Università telematica internazionale UNINETTUNO

USBM - University Strategies and Business Models for Lifelong Learning in Higher Education

 
Programma UE: Lifelong Learning Programme 2007 - 2013
Programma Specifico: Multilateral Projects, Networks, Accompayning Measures
Call: EAC/61/2006
Project Number: 142914/08
Durata del progetto: 24 mesi (01 ottobre 2008 – 30 settembre 2010)
Responsabile Scientifico Locale: Prof. Maria Amata Garito
Website: http://www.eadtu.nl/usbm
 

Area Privata

 

USBM PARTNERS

Primo Contraente
 
Partner
P2  Uab - Universidade Aberta (PT - Portogallo)
P3  OUUK - Open University (UK - Gran Bretagna) 
P8  AU - Anadolu University (TR - Turchia)
P11 AU-DK - Aarhus University (DK - Danimarca)
P13 LU - Lund University (SE - Svezia)
 

SOMMARIO USBM

Il Lifelong Learning (LLL) riguarda lo sviluppo delle strutture per la formazione permanente che può riguardare le realtà professionali e supportare le conoscenze che le persone acquisiscono durante le loro carriere e rinnovare o sviluppa le loro attuali conoscenze.
Il LLL si riferisce a tutte quelle frasi che utilizziamo nei discorsi come "aprire le conoscenze dell’università" e "rendere la formazione dell'università sensibile a reagire ai bisogni del mercato”. Anche se il LLL è un concetto largamente sostenuto e fortemente conosciuto dalle università, dai governi e dall'UE, esso è ancora nella fase iniziale per essere realmente attuato.
LLL non è ancora sufficientemente organizzato nelle maggiori università, il che può essere facilmente spiegabile dando un’occhiata ai principali obietti e gruppi target.
Generalmente le università sono vincolate ai loro modelli aziendali convenzionali che mettono a fuoco la ricerca e l'innovazione e la programmazione educativa nella struttura di lauree di primo e specialistiche (BA/MA).
Questa è la strategia giusta per gli studenti tradizionali. Fornire un ambiente per lo studente LLL significa sviluppare nuove strategie e modelli aziendali e conseguentemente entrare in una zona parzialmente sconosciuta. Ciò spiega la grande esitazione da parte delle maggiori università per intraprendere i passi successivi nell'organizzazione del LLL.
Nella task force di ricerca USBM (Strategie e modelli aziendali dell'università) e nella task force sul LLL, abbiamo identificato una mancanza di sviluppo nel campo del LLL. Dall’altro lato vediamo chiaramente che ci sono molte università europee che già si attengono ai termini per una buona realizzazioe di questi nuovi metodi. Inoltre, hanno sviluppato ambienti di apprendimento completi che comprendono software interattivi e le caratteristiche necessarie per un apprendimento indipendente e guidato. Tuttavia, manca loro la giusta politica di LLL, le giuste strategie di LLL e i giusti modelli aziendali per un approccio graduale e sostenibile.
All'interno di questo progetto, in collaborazione con EADTU, le università convenzionali e le università a distanza che lavorano sulle strategie ed i modelli aziendali istituzionali per il LLL, faremo una ricerca sulle strategie progettate ultimamente e le pratiche di innovazione nell'istruzione e nella formazione di ciascun partner per migliorare le strategie ed i modelli aziendali di ciascuno, in contesti nazionali ed istituzionali differenti. Quindi, le università a distanza ed alcune importanti università tradizionali trasferiranno il loro expertise, a livello tecnologico e pedagogico, per migliorere l'impatto sul LLL nelle loro rispettive realtà.
Il consorzio è formato da istituzioni che si trovano in fasi differenti nell'organizzazione del LLL. Questo serve per rappresentare sia modelli eccellenti di LLL e sia per accrescere ulteriormente e stimolare l'aumento di strategie di LLL. La task force USBM sarà il core group che guiderà lo sviluppo del progetto e sarà responsabile della produzione di report dedicati ai settori e ai gruppi-target, ai fattori di successo dell'organizzazione di LLL e ai modelli aziendali di successo esistenti. Questi report rifletteranno le analisi fatte e presenteranno i risultati degli elementi cruciali nell'organizzazione del LLL e saranno la base per i nuovi modelli aziendali rispetto alla costruzione di strategie locali universitarie.
La conferenza EADTU di Settembre 2008 a Poitier (Francia), sarà l'occasione pubblica per dare il via a questo progetto e divulgare le intenzioni del progetto.
In particolare lo scopo della conferenza di Poitier nell'ambito della Presidenza Europea francese è “L’apprendimento aperto e flessibile per tutta la vita nell'istruzione superiore: insegnamento e apprendimento in rete nella società della conoscenza”. [www.eadtu.nl/conference-2008]. L'occasione ci darà la prima opportunità di raccogliere le esperienze e le pratiche relative al focus del progetto e per ottenere l'interesse degli stakeholder, responsabili dei risultati del progetto. Ulteriormente amplieremo questo argomento in un WP dedicato alle “Opportunità ed ostacoli per migliorare e aumentare il LLL” e “Strategie Istituzionali di Successo”.
Il secondo anno del progetto sarà dedicato alla messa a fuoco dell'introduzione delle strategie di business a livello locale. Sulla base dei nostri risultati e sull’identificazione degli esperimenti e dei modelli aziendali innovativi, svilupperemo strategie istituzionali sul LLL e dimostreremo questi risultati attraverso delle riunioni locali tra gli stakeholder. A questi meeting riuniremo i membri del core group e stakeholder locali, come le università, i partner sociali, il governo e i datori di lavoro. I Consorzi e le Associazioni di formazione a distanza dimostreranno il valore aggiunto dato dal LLL all’interno delle loro università. Dalle risposte e dai risultati di queste implementazioni locali, forniremo modelli aziendali per il LLL. Le versioni definitive saranno pubblicate in una Guida orientativa che sarà messa liberamente a disposizione della comunità accademica. Questa guida, i rapporti e i collegamenti relativi si riuniranno in un portale dedicato a LLL.
Questo progetto inizierà tentando di infrangere la situazione paradossale nella quale le autorità e le università vorrebbero utilizzare il LLL, ma sono paralizzate dalla mancanza di strategie sostenibili e modelli di business. Promuoveremo e divulgheremo i nostri risultati e pubblicheremo i modelli di business come modelli generici sul portale, come il network EADTU e altri network europei di università.
 

DESCRIZIONE DETTAGLIATA USBM

Il futuro dell’Europa, dipenderà da quanto i suoi cittadini riusciranno ad affrontare le sfide economiche e sociali. Il lifelong learning permetterà ai cittadini di spostarsi liberamente tra i contesti di apprendimento, i lavori, le regioni e i paesi, con lo scopo di apprendere. La sfida del LLL si applica dall’educazione pre-scolastica, fino alla pensione ("dalla culla alla tomba") e ricopre tutte le forme di educazione (formale, informale, non-formale). Consigli europei successivi a quello di Feira, hanno enfatizzato il bisogno di implementare strategie coerenti.
La trasformazione dei sistemi tradizionali è il primo passo per permettere a tutti di accedere al lifelong learning. Altri passi importanti sono stati identificati per rispondere ai bisogni di:
  • - sviluppare partnership a tutti i livelli del sistema, nazionale, regionale e locale, ma anche attraverso le università, le scuole e la società civile in senso ampio;
- identificare i bisogni degli studenti e del mercato del lavoro, nel contesto della società della conoscenza (tecnologie dell’informazione);
- identificare risorse adeguate a incoraggiare l’aumento degli investimenti pubblici e privati e nuovi modelli di investimento.
- Rendere l’apprendimento più accessibile, attraverso la creazione di centri locali nei luoghi lavorativi che facilitano l’apprendimento al lavoro. Sforzi specifici sono stati fatti per persone che sono particolarmente escluse, come i disabili, minorenni e le comunità rurali.
- Creare una cultura dell’apprendimento che motivi gli studenti potenziali, di tutte le età, ad aumentare il proprio livello di partecipazione.
- Mettere in pratica valutazione e controllo di qualità dell’apprendimento.
Il LLL è stato adottato da molte università e governi e l’Europa ha dato un grande contributo allo sviluppo di una società basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, lavori migliori, una coesione sociale buona e il supporto verso la creazione di un’area europea per l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita.
L’Europa ora ha bisogno di università creative, come attori chiave della società Europea della conoscenza per sviluppare un’ampia partecipazione al LLL. Le università devono duplicare i propri sforzi per introdurre metodi innovativi di insegnamento per ri-orientare i curricula insieme ai lavoratori e raccogliere la sfida dell’educazione professionale e accademica. I governi devono lasciare alle Università l’autonomia di cui hanno bisogno, per introdurre nuove riforme.
Questo campo è stato riconosciuto come fortemente innovativo per le università: in generale, le università non hanno un numero sufficiente di attività didattiche basate sul modello LLL. La ragione di tali esitazioni probabilmente risiede nel fatto che l’obiettivo primario delle università è la ricerca e l’innovazione e i programmi educativi strutturati secondo BA/MA. Organizzare il LLL richiede soggetti supplementari e questo significa per molte università, rivolgersi a nuovi target e spostarsi verso nuovi approcci e nuovi modelli di business.

 

OBIETTIVI USBM

L’obiettivo generale del progetto USBM è quello di analizzare le iniziative di apprendimento permanente nelle Università a distanza in Europa e favorire l’attuazione di cambiamenti nelle strategie istituzionali e organizzative.
Il progetto prevede:
- la redazione di report sul settore del LLL (LifeLong Learning), come base per i nuovi modelli aziendali rispetto alla costruzione locale di strategie universitarie;
- lo sviluppo di strategie istituzionali di LLL e la relativa presentazione a livello locale;
- la progettazione di modelli aziendali sottoforma di linee guida da rendere disponibili alla comunità accademica.
Per questo abbiamo bisogno di stimolare e coinvolgere stakeholder (università, governi, partner sociali e business) per mostrare loro le opportunità che derivano da questa tipologia di apprendimento.
Il nostro obiettivo è quello di sviluppare strategie universitarie e nuovi modelli di business per il LLL che possano essere messi in pratica in un contesto collaborativo di università tradizionali e università a distanza. Ciò sarà la base per iniziare uno sviluppo di strategie istituzionali e nuovi modelli di business a un livello universitario locale. Questo progetto porterà ad una generale presa di coscienza nelle comunità accademiche. Presenteremo una serie di esperienze in LLL e creeremo un nuovo modello di business per organizzare corsi di LLL. Localmente organizzeremo meeting con università, partner sociali, studenti LLL, per coinvolgerli nel dibattito e definire la mission del LLL come input per i nuovi modelli di business.
 

USBM RISULTATI

1. Settori e gruppi target per il LLL (WP2)
2. Fattori di successo per organizzare il LLL (WP2)
3. a. Strategie di successo e Modelli di Business nel LLL (WP3) 
    b. Sinergie tra le Università convenzionali e università a distanza per organizzare il LLL (WP3)
I meeting si focalizzano sulla condivisione dei soggetti e delle strategie dei modelli di business, da un approccio più generico per la presentazione al consorzio.- Meeting Europei del Parternariato
Questi meeting sono l’estensione degli incontri del core group. Le strategie e i modelli di business vengono discussi in funzione della relazione del core group. Con i feedback ricevuti, il core group potrà scrivere un report che sviluppi le strategie e le linee del modello di business.- Meeting degli Stakeholder
2 o 3 incontri del parternariato saranno aperti agli stakeholder: Eu, EUA, European Student Union, COL, etc…- Eventi locali sulle strategie e i nuovi Business Model (WP4)
A questi incontri partecipano i membri del core group e stakeholder locali; gli incontri sono rivolti allo sviluppo di strategie istituzionali sul LLL.
 
Report
Il team di progetto produrrà quattro report:
(1) Un report sui settori e I gruppi target per il LLL (WP2)
(2) Un report sui fattori di successo nell’organizzazione del LLL (WP2)
(3) Una discussione sulle strategie di successo e Modelli di Business (WP3)
(4) Modelli per la cooperazione e le sinergie tra università convenzionali e a distanza nell’organizzazione di LLL

Il portale sul quale verranno pubblicati i report, conterrà informazioni rilevanti per le università tradizionali su come organizzare corsi di LLL. Insieme ai report pubblicheremo collegamenti alle migliori pratiche nel LLL, materiali di riferimento, report strategici, statistiche.
Per supportare e incoraggiare le università nell’organizzazione del LLL, sarà creata una Guida open source, e una mappa sul LLL che saranno rese disponibili sul portale. Strutturata in termini di “decisioni da prendere” e “passi da fare”, la Guida supporterà le università a livello strategico e gestionale per affrontare tuttle le sfide collegate al LLL.

 

IMPATTO di USBM

Gruppi target a breve termine:
Considerato che il progetto riguarda strategie istituzionali e nuovi modelli di business, ci riferiamo direttamente alla gestione di:
- Università aperte o a distanza
- Università Convenzionali
- Consorzi e associazioni di Università convenzionali interessate al LLL.
- Partecipanti al consorzio (Tutti i partecipanti saranno coinvolti nell’analisi e nello sviluppo di strategie e nuovi modelli di business per il LLL.
- Membri di EADTU (Tutti i membri saranno informati sui progressi del progetto e i risultati saranno diffusi attraverso mailing list di newsletter e meeting network)
- Conferenza (I risultati del progetto saranno divulgati durante la conferenza annuale.)
- Membri dell’EUA (European University Association) - In cooperazione con l’EUA informeremo le università su come organizzare il LLL e sui progressi in questo progetto.
- Studenti dell’Unione Europea (ESU) - ESU è uno stakeholder sempre invitato ai meeting tra gli esperti. Ci aspettiamo u grande interesse e input costruttivi.
Gruppi Target a lungo termine:
- Studenti LLL, che necessitano di un accesso semplice e altamente flessibile ai programmi educativi che rispondono al loro campo di interesse e lavoro. Le risposte di questo gruppo sono importanti perché strettamente connesse al mercato del lavoro.
- Management dell’Università, per ricercare strategie di gestione, modelli di business e buone pratiche per organizzare nuovi progetti di LLL.
- Direttori di Programmi educativi in cerca di profili dei nuovi studenti LLL, domande sulla gestione degli affari e strumenti per il business.
- Impiegati che hanno bisogno di un generale e più specifico programma educativo per far si che il proprio staff rimanga sul livello necessario di conoscenze, per la competizione e l’innovazione.
 

SOSTENIBILITÀ di USBM

I risultati del progetto saranno disponibili in un portale aperto a tutti a conclusione dei lavori. EADTU continuerà a lavorare anche dopo la fine del progetto per aggiornare e completare il sito. LLL sarà un argomento centrale per il network EADTU che procederà attraverso diverse pubblicazioni dei risultati per far si che la comunità scientifica sia informata.
 

USBM: PROGRAMMA DI LAVORO

Il progetto consiste in 6 work packages (WP):
 
WP1: Gestione
Durata: 24 mesi (1 ottobre 2008 – 30 settembre 2010)
Leader: EADTU
L’attività di gestione sarà un’attività continua nel corso del progetto. Comprende la comunicazione, il coordinamento, l’organizzazione e il monitoraggio finanziario del progetto.
Il meeting iniziale sarà dedicato a sottolineare gli obiettivi e i passi da compiere per formalizzare i ruoli dei partecipanti. Ogni WP-leader presenterà il proprio approccio, definirà gli obiettivi, pianificherà i successivi meeting e i risultati da conseguire.
Nel report sui progressi (interim report) e in quello finale (final report), EADTU sarà il coordinatore e riporterà successi, insuccessi e discrepanze, oltre al rendiconto finanziario del progetto.
 
WP2: Opportunità e ostacoli per organizzare LLL
Durata: 5 mesi (1 novembre 2008 – 31 marzo 2009)
Leader: Uab
Il “core group” guiderà la discussione e preparerà gli incontri del partenariato sui due argomenti principali:
- settori e gruppi target per l’apprendimento permanente;
- fattori di successo nell’organizzazione dell’apprendimento permanente.
In questo WP sono previsti due incontri del “core group” e uno esteso a tutto il partenariato.
Attraverso la discussione e il feedback del partenariato, il “core group” produrrà un report per ciascuno dei due argomenti principali.
Ruolo di Uninettuno:
- Partecipazione ai meeting previsti;
- Report sulle proprie competenze ed esperienze nel LLL, in particolare in relazione alle università tradizionali;
- Contributo all’inventario dei fattori di successo.
 
WP3: Strategie istituzionali di successo
Durata: 5 mesi (1 aprile 2009 – 31 agosto 2009)
WP Leader: OUUK
Nel WP3 il partenariato metterà in pratica quello che è stato dedotto teoricamente in termini di modelli di business. Questi modelli dovranno essere flessibili tanto da poter essere applicati a livello locale e in generale per tutte le altre università europee. Il “core group”, divulgherà il prodotto finale di questo WP: una descrizione di strategie di successo e modelli di business nel LLL e modelli per la cooperazione e le sinergie tra università convenzionali e università a distanza nell’organizzazione del LLL.
Ruolo di Uninettuno
- Partecipazione ai meeting;
- Contributo all’inventario Europeo delle strategie di successo e modelli di business nel LLL;
- Ricerca sui modelli di cooperazione con le università tradizionali.

WP4: Utilizzo dei risultati
Durata: 12 mesi (1 ottobre 2009 – 30 settembre 2010)
Leader: AU-DK
Il WP4 si focalizza sull’introduzione all’uso a livello locale delle strategie di successo, individuate tramite i risultati ottenuti dall’analisi dei modelli di business. Prima verranno sviluppate delle strategie istituzionali sul LLL, presentate attraverso dei meeting durante i quali verranno fatti incontrare i membri del “core group” e lo staff universitario, a livello manageriale, le compagnie locali e i partner sociali (stakeholder workshops). Consorzi e Associazioni per l’educazione a distanza opereranno insieme ai membri universitari e dimostreranno il valore aggiunto del LLL nelle università.
Dai feedback e dai risultati degli incontri locali, verranno definite le strategie istituzionali e i modelli di business. La versione finale delle strategie istituzionali sarà pubblicata in una Guida accessibile alla comunità accademica (open source). Questa guida e i report prodotti, saranno raccolti in un portale per il LLL.
Ruolo di Uninettuno
- Partecipazione ai meeting locali;
- Contributo ai documenti iniziali sulle strategie istituzionali europee;
- Contributo alla messa a punto delle strategie istituzionali e del modello di business.

WP5: Qualità
Durata: 24 mesi (1 ottobre 2008 – 30 settembre 2010)
Leader: EADTU
Il programma di lavoro del progetto, include un piano di valutazione. Questo servirà per monitorare e valutare i progressi attraverso gli obiettivi stabiliti all’interno del progetto.
Il coordinatore del progetto monitorerà i progressi del progetto a livello finanziario e la sua implementazione sarà valutata da un team interno formato da George Ubachs (EADTU), Carlos Reis (UAb) e Francesco Paravati (UTIU). Questi valutatori si incontreranno tre volte: una per preparare la procedura di valutazione e gli indicatori, un’altra per il report intermedio e l’ultima per il report finale. Un ruolo importante sarà dato al modello di E-xcellence in ambito istituzionale.
Separatamente dalla procedura formale, una valutazione esterna sarà organizzata da George Ubachs (EADTU) e Koen Delare di EDUSER, esperti esterni con specifiche competenze nel LLL. Gli esperti esterni valuteranno e diffonderanno i risultati in una procedura di tre step:
- nei report intermedi, per sviluppare il prodotto finale.
- feedback sui prodotti in sviluppo
- valutazione finale sul prodotto finito
Ruolo di Uninettuno
- Contributo alla valutazione interna come parte dei progress report.

 

WP6: Divulgazione
Durata: 24 mesi (1 ottobre 2008 – 30 settembre 2010)
Leader: EADTU
EADTU applicherà un piano dettagliato per la pubblicazione e promozione dei risultati del progetto, per informare in modo efficace le persone interessate. Questo piano fornisce una panoramica delle attività che supporteranno la comunicazione per sviluppare interesse nel progetto. Le categorie di attività sono:
- Comunicazione tra i partner: i partner sono responsabili della comunicazione dei progressi e dei risultati a livello locale, nazionale e internazionale.
- Comunicazione via web: sarà promosso da EADTU un portale on line per informare il più ampio pubblico possibile.
- Pubblicazioni: sarà previsto un grande numero di pubblicazioni a livello europeo e negli altri continenti.
- Mailing attraverso database per informare la comunità di istituti di istruzione superiore degli sviluppi del progetto. EADTU utilizza a questo scopo un database di circa 7.000 contatti nella comunità di istituti di istruzione superiore.
- Promozione: le nuove strategie universitarie verranno promosse attraverso un sito web disponibile alle università per trovare nuovi modelli di business, servizi e buone pratiche.
Principali attività a livello europeo:
- pubblicazioni
- presentazioni web su ogni sito istituzionale dei partner
- presentazioni web su www.elearningeuropa.info o siti simili
- Conferenze: europee ed internazionali che saranno utilizzate per la promozione del progetto e dei suoi risultati.
Ruolo di Uninettuno
Comunicazione dei progressi e dei risultati del progetto nell’ambito di rilevanti meeting locali, nazionali e internazionali e report al coordinatore del progetto di queste occasioni, compresi i responsi ricevuti
 

 DESCRIZIONE PARTNER USBM 

 

 

EADTU - European Association of Distance Teaching Universities (NL - Paesi Bassi)

L’EADTU è l’associazione maggiormente rappresentativa in Europa di educazione a distanza e e-learning. La sua base di associati conta attualmente 25 membri e comprende università e consorzio prestigiosi, dedicati alla formazione permanente flessibile e aperta e consorzi di oltre ventuno diversi paesi, che si rivolgono a gruppi target fuori sede con una qualità accreditata. Sono membri dell’EADTU università dedicate a gruppi target fuori sede, che utilizzano metodi di educazione a distanza e orientamento allo studio sistemico, per la maggior parte in centri di studio regionali e come organizzazioni comprendenti consorzi universitari con studenti in sede, ma danno priorità anche all’offerta di corsi di studio a studenti fuori sede. La struttura europea dell’EADTU è estensiva e fa leva su rapporti diretti con funzionari accademici a livello locale. L’EADTU ha la leadership effettiva. Nel corso degli ultimi anni l’EADTU ha assunto il ruolo di coordinamento e valorizzazione di diversi progetti europei. La rete EADTU è eccellente per raggiungere tale fine: copre l’Unione Europea e molti paesi dell’Europa Centro-Orientale (CEEC). L’EADTU ha assunto il ruolo trans-nazionale di promozione dell’Apprendimento Aperto e Flessibile (Lifelong Open and Flexible - LOF) e ha rafforzato programmi di formazione continua, e-learning, controllo qualità e processi di accreditamento.
Progetti: CBVE, EPICS, USBM, OER-HE
 
EADTU, European Association of Distance Teaching Universities
Valkenburgerweg 177
6419 AT Heerlen
the Netherlands
 

Uab - Universidade Aberta (PT - Portogallo)

 
Since its foundation, in 1988, Universidade Aberta, the vocation of which is to teach large and geographically disperse audiences, has given new opportunities for higher education training around the world. Universidade Aberta, as a pioneer institution in distance higher education in Portugal and the main national centre of expertise, in the area, developed the know-how that allows it to be the biggest provider of on-line courses in the country. UAb has some considerable expertise on the field of Virtual Mobility based on its participation in the NetActice project and EduContact, among others.
Progetti: EPICS, USBM, OER-HE
 
Uab - Universidade Aberta
Rua Escola Politécnica, 147
1269-001 Lisbona
Portogallo
website: http://www.univ-ab.pt
 

OUUK - Open University (UK - Gran Bretagna)

 
The Open University (OU) is Europe’s largest Higher Education Institution. It offers high quality university level education to people based in all countries of the EU and through partnerships, in all continents of the world. The OU supports 5,500 students across continental Western Europe and has a network of 13 country coordinators in major cities across Europe. Through open and distance learning the OU is able to reach people who would otherwise find it difficult to study and train further, but increasingly is teaching younger students who can no longer study at traditional universities, and prefer to combine work with their studies. The flexibility of the Supported Open Learning programme has also encouraged increasing participation from disabled and minority groups.   The OU’s mission is to be ‘open to people, places, methods and ideas’, and has an established Equal Opportunities Policy.
Progetti: EPICS, USBM, OER-HE
 
OUUK - Open University
Eldon House, Regent Centre, Gosforth
NE3 3PW Newcastle Upon Tyne
United Kingdom
 

UNED - Universidad Nacional de Educación a Distancia (ES – Spagna)


L’UNED è stata istituita nel 1972. Si tratta di un’università spagnola istituita dal Governo Spagnolo. L’UNED offre una accesso preferenziale all’università e alla formazione avanzata per tutti coloro che, benché in grado di proseguire studi superiori, non possono frequentare corsi in presenza per motivi di lavoro, finanziari, logistici e simili. L’UNED applica le tecniche e l’esperienza della formazione a distanza e innova tramite nuovi modelli educativi con l’obiettivo di rivolgersi a studenti e università e istituzioni con cui intrattiene rapporti di collaborazione. L’UNED attua e sviluppa programmi di formazione avanzata e di aggiornamento culturale e professionale. I corsi dell’UNED sono erogati a distanza per gli studenti di tutto il mondo. Tra i centri all’estero ci sono: Argentina, Belgio, Brasile, Guinea Equatoriale, Giappone, Marocco, e Stati Uniti. L’UNED ha oltre 180.000 studenti iscritti negli anni 2003-2004. Oggi l’UNED offre corsi universitari in 22 diversi campi come le scienze umane, le scienze sociali, la fisica, la matematica, la chimica, l’ingegneria e l’informatica. Gli studi universitari sono integrati da studi post-universitari e di dottorato. L’UNED offre anche corsi post-laurea come Master e corsi di specializzazione per coloro che hanno terminato i corsi universitari e vogliono continuare a studiare (cioè formazione permanente). L’UNED coopera e collabora attivamente con istituzioni importanti al livello internazionale come: The Global Development Learning Network (Institute of the World Bank), Organization of American States (OAS), Inter-American Development Bank (IDB), e Ibero-American Association of Higher Open and Distance Learning (AIESAD). Inoltre, l’UNED è attivamente coinvolto in progetti di R&S finanziati dalla Commissione Europea (CE).
Progetti: CBVE, EPICS, USBM, OER-HE
 
UNED - Universidad Nacional de Educación a Distancia
C/Bravo Murillo, 38
C.P. 28015 Madrid
Spain
 

OUNL - Open Universiteit Nederland (NL - Paesi Bassi)

 
 
Open Universiteit Nederland develops, provides and promotes innovative distance education of academic quality, in collaboration with other institutions of higher education. As the prime Dutch university for lifelong learning, it addresses the wide-ranging needs of people during their course of life, plus the need to achieve a considerable increase of the knowledge level of the community at large. Open Universiteit Nederland seeks to be an institution that is strongly anchored in the Dutch higher education system through its educational, research and innovation activities, and that also operates successfully in the field of lifelong learning. It is a pioneer in open higher distance education and a leader in educational innovation, both in the Netherlands and internationally.
Open Universiteit Nederland acts de facto and de jure also as the open university for the Flemish speaking part of Belgium, the regions Flanders and Brussels.
Key figures for Open Universiteit Nederland (2005): staff: 732; budget: 61.4 million euro; 6 bachelor and 13 master programmes; 270 academic courses; active students: 18474; female: 51 %; age above 36: 57 %; students with fulltime jobs: 44 %; students following an academic programme: 35 %; students studying in Dutch study centres: 89 %; students studying Belgian study centres: 11 %. Course certificates: 24223; academic certificates 463.
Progetti: EPICS, USBM, OER-HE
 
OUNL - Open Universiteit Nederland
Valkenburgerweg 177
6419 AT Heerlen
the Netherlands
 

FernUni - FernUniversität in Hagen (DE - Germania)

 
 
FernUniversität in Hagen is the only state-maintained distance teaching university in German-speaking countries and regions with 60 study centres in Germany, Austria, Switzerland and Central and Eastern Europe. The presently registered 45,000 students benefit from the modern ICT-based distance education system which combines pedagogically well prepared study units with individual support, net-based co-operation, online communication offers, and face-to-face sessions. FernUniversität offers a real alternative to on-campus studies for everyone in a flexible way with regard to time, place and pace of studying towards high-quality final degrees (Bachelor, Master, and Doctorate) and university qualifications. Thus, FernUniversität also stands for the trend towards lifelong learning for all those persons of all ages who need update of academic and scientific knowledge and skills in parallel to employment or family activities, and already has developed business models for lifelong learning.
Progetti: OER-HE
 

CNED - Centre national d'enseignement à distance (FR - Francia)

 
 
 
Premier opérateur européen et du monde francophone de la formation à distance, le Centre national d’enseignement à distance (Cned) est un établissement public à caractère administratif du MEN qui dispense un véritable continuum pédagogique, de la maternelle à l’enseignement supérieur comprenant un éventail de 500 formations et de 3000 modules sur des supports variés et adaptés aux besoins. Le Cned offre également un service d’accompagnement individualisé : conseils méthodologiques, évaluations, regroupements, tutorat, ressources en lignes, classes virtuelles… Le Cned noue des partenariats dans tous les domaines : pédagogique, technique, logistique et commercial.Il faut souligner qu’une direction a été créée afin de prendre en charge les dispositifs d’accès à la formation et à l’insertion professionnelle tout au long de la vie pour les adultes : DIF, dispositifs de VAE, d’insertion, d’alternance et d’apprentissage.Le Cned met aussi à la disposition de ses partenaires son savoir-faire en matière d’ingénierie éducative ouverte et à distance aux fins de réalisation conjointe de formations et de services. Son Ecole d’ingénierie de la formation à distance (Eifad) forme des spécialistes français et étrangers.

AU - Anadolu University (TR - Turchia)


Anadolu University (AU) is a pioneer institution to solve educational problems in Turkey at a distance since 1982. AU also serves Turkish citizens living in the EU member states. The open education system offers 27 associate and bachelor degree programs. Today, 44 % of the overall on and off campus Turkish higher education students are enrolled at AU’s distance learning system.  Teaching materials are designed and prepared with the self-study format. e-Learning portal is composed of e-Practice, e-Book, e-Television, e-Exam, e-Mentoring (a/synchronous) and e-Audio Book components. Lifelong learning is one of the priorities of AU and distance education is considered as a medium to provide lifelong learning to various groups via e-Certificate Programs (17 programs in Accounting, Marketing, Entrepreneurship, Finance), Second University, Turkish Language Program, Occupational Training Programs (programs for the Gendarmerie, Police Force, the armed forces, teachers in public schools and some personnel working at the Ministry of Justice), and Yunus Emre open courseware, disseminating the contents of the distance courses. 
Progetti: EPICS, OER-HE
 
AU - Anadolu University
Anadolu Universitesi Acikogretim Fakultesi Dekanligi Yunus Emre Kampusu
26470 Eskisehir
Turchia
website: http://www.anadolu.edu.tr

NSHU - Swedish Agency for Networks and Cooperation in Higher Education Sweden (SE - Svezia)

 
NSHU is a national agency with the purpose to support all higher education institutions in Sweden with developing their education. The Agency has also a special responsibility for the Swedish Net University (a co-operation between 35 universities in Sweden). NSHU act as a promoter and clearing house for the more than 2000 courses/100 programs with 70 000 students given as IT-supported distance education by the Universities. NSHU funds national and regional projects in ICT, pedagogical development and widening participation. NSHU also support networks for flexible study guidance, web based library support, ICT-councellors etc. economically and technically.
Progetti: EPICS
 
NSHU - Swedish Agency for Networks and Cooperation in Higher Education Sweden
Brunnshusgaten 6
87133 Härnösand
Sweden
 

AU-DK - Aarhus University (DK - Danimarca)

 
 
 
Aarhus University is a member of the Danish Association of Open Universities, which was formed in 1995 as a prolongation of Jutland Open University, established in 1982. At Aarhus University academic values form the basis for all activities. Via curious research, critical analysis and ongoing debate, researchers and students endeavour to find new ways to gain insight, understanding, spiritual development and education for the benefit of society as a whole.Aarhus University is a dual mode research university with both campus-based student and students in open learning degree programmes. In 2006 2,577 students participated lifelong open and flexible learning courses.

KLU - Katholieke Universiteit Leuven (BE - Belgio)

 
 
K.U.Leuven was established in 1425 and is the oldest university of the Low Countries. K.U.Leuven is a research-intensive university and is a founding member of LERU (League of European Research Universities) and Coimbra Group. The university plays a leading role in the innovation of higher  education. It developed the concept of guided independent learning. It stimulates  continuing education for non-traditional students and virtual learning. K.U.Leuven has a long standing tradition within the Erasmus programme as well as in the EU research pogrammes and it organises about 60 international master programmes. Last years, K.U.Leuven has constructed a extensive electronic learning environment, TOLEDO, largely considered as a frontrunner achievement.Linked into this project are AV/Net, the Studiecentrum Open Universiteit, the departments for university education and ICT, continuing education, educational policy and international relations. The AVNet department  will coordinate the KULeuven partnership. It participated already in a number of projects on virtual education, e-learning and networked e-learning and distance education in an international context. AVNet hosts the secretariat of EuroPACE ivzw (http://www.europace.org). AVNet also hosts the secretariat of EUNITE (http://eunite.tkk.fi/), a strategic alliance of eight European universities, aiming at the exchange and sharing of courses and joint course development.
Progetti: OER-HE
 

LU - Lund University (SE - Svezia)

 
 
 
Higher education, cross-disciplinary research, international networking and exchange, eLearning expertise

MESI - Moscow State University of Economics, Statistics and Informatics (RUB - Russia)

 
 
Moscow State University for Economics, Statistics and Informatics (MESI) established in 1932 is one of Russia’s leading higher education institutions in the field of economics, statistics and computer science both for Russian nationals and nationals of other countries. MESI is the leading Russian distance teaching university with overall number of students of more than 150 000. Along with its Moscow campus, MESI comprises 13 branches and about 200 study centers all over Russia (from Kaliningrad to Vladivostok) and abroad. MESI has over 70 years of experience in distance education, over 30 years in computer-based instruction and 10 years of e-learning practice. MESI is the participant of European integration activities in the frames of Bologna process (joint study programs, academic mobility, European diploma supplement, etc.). MESI has implemented European System of Quality Management and is the first Russian University certified according to ISO 9001:2000 standard.MESI is the member of: EADTU, EAIE, ICDE, EDEN, IAOE, IASHS, e-University, and IMS Global Consortium. The University collaborates with leading European distance teaching organizations. The Memorandums of understanding and cooperation have been signed with most of them.MESI has been running educational programmes at all levels, from pre-school to higher education to continuing, recurrent and liberal education in a lifelong learning approach.

Sede centrale

Corso Vittorio Emanuele II, 39
00186 Roma - ITALIA
C.F.: 97394340588
P.IVA: 13937651001

Posta certificata

info@pec.uninettunouniversity.net

Segreteria Studenti

Numero verde: 800 333 647
tel: +39 06 692076.70 (1)
e-mail: info@uninettunouniversity.net

Videoconferenza

Biblioteca 1^ piano: 90.147.90.157
Sala Riunioni 5^ piano: 90.147.90.158

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Lasciaci i tuoi dati


Richiedi informazioni