Images


Comunicato stampa

Torna ai comunicati stampa

Immigrazione: Uninettuno presenta “Rebuild”, l’app che supporta l’inclusione di migranti e rifugiati.


28/03/2022


Roma 28 marzo 2022 – L'instabilità politica ed economica, le violazioni dei diritti umani, l'aumento della povertà, nonché il recente conflitto russo-ucraino, alimentano fenomeni migratori pre-esistenti e ne generano di nuovi. Per avviare un efficace processo di integrazione di migranti e rifugiati, l’Università Telematica Internazionale Uninettuno ha sviluppato un partenariato internazionale per realizzare il progetto Rebuild - Ict enabled integration facilitator and life rebuilding guidance, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma quadro Horizon 2020.

Si tratta di un’iniziativa che coinvolge 11 partner, tra cui università e centri di ricerca, industrie e centri di sviluppo tecnologici, Ong e l’Unesco per la quale è stato progettato e sviluppato un Digital Companion che, attraverso un chatbot basato sull’Intelligenza Artificiale, offre supporto ai migranti e ai rifugiati in Europa nell’accesso ai servizi esistenti nei Paesi di accoglienza.


“Rebuild” consente ai fornitori di servizi locali che interagiscono con i migranti e i rifugiati, e alle autorità regionali e nazionali che pianificano l’accoglienza, di migliorare i processi e le modalità di offerta dei servizi basandoli sulla conoscenza delle caratteristiche e dei bisogni reali dei loro utenti.

La filosofia che ha guidato il progetto è stata quella di coinvolgere appieno i migranti come partecipanti alla ricerca, e in qualità di ricercatori stessi, per comprenderne al meglio le esigenze. Fondamentale, poi, per lo sviluppo delle tecnologie, è stata l’interazione con le Ong e le amministrazioni locali.


“Sono convinta che il valore della buona integrazione passi dal riconoscimento di quello che sono le competenze e le conoscenze di ogni essere umano, e quindi l'impegno di chi accoglie deve essere quello di fare in modo che appena possibile vengano loro riconosciute le competenze, e utilizzate per reinserirli nella società con la speranza per un futuro che consenta loro di riconquistare la propria dignità”, ha dichiarato Maria Amata Garito, rettrice dell’Università Uninettuno.

Il progetto “Rebuild” è solo una delle tante iniziative di ricerca e innovazione sviluppate da Uninettuno a supporto dell’inserimento di migranti e rifugiati in Europa. La stessa Università telematica nasce dal progetto MedNet’U – Mediterranean Network of Universities, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Eumedis, con 31 partner da 14 paesi della sponda Nord e Sud del Mediterraneo che, coordinati dal Consorzio Nettuno, hanno creato uno spazio euro-mediterraneo per la formazione superiore, sviluppando corsi di laurea e professionali in 4 lingue (italiano, inglese, francese, arabo) con i migliori professori delle università più prestigiose di Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Siria, Tunisia e Turchia.

Questo approccio globale e connesso attraverso le tecnologie digitali ha permesso a Uninettuno, su iniziativa della rettrice Garito, di creare nel 2016 l’Università per Rifugiati, un progetto che ha consentito a più di 13000 migranti di utilizzare l’app “Imparo la lingua italiana” creata da Uninettuno per l’apprendimento della lingua e a oltre 200 rifugiati di usufruire delle borse di studio per iscriversi gratuitamente ai propri corsi di laurea e a quelli per la qualificazione e riqualificazione professionale.

L’Università per Rifugiati ha ottenuto riconoscimenti internazionali dall’Unesco e dalle Nazioni Unite, che hanno premiato il contributo al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030. Oggi, questa Università è aperta anche agli ucraini, che possono iscriversi gratuitamente all’Università Uninettuno grazie alle borse di studio che l’ateneo ha già stanziato.

La registrazione del Digital Talk per la chiusura del progetto Rebuild è disponibile a questo indirizzo LINK