Università telematica internazionale UNINETTUNO

Conservazione e valorizzazione dei Beni Culturali (Academic Year 2018/2019) - Operatore ed esperto in Patrimoni culturali e memoria digitale

Progettazione digitale nei Beni Culturali

CFU: 6
Language: Polski
Course description
 Il corso fornisce allo studente un quadro completo e aggiornato degli obiettivi, delle metodologie di lavoro (workflows), delle tecniche e degli strumenti da impiegare nel processo di digitalizzazione dei Beni Culturali.
Al fine di contestualizzare i più recenti approcci teorici e pratici al tema, il primo blocco di videolezioni fornisce un inquadramento generale introducendo gli ultimi sviluppi nel campo della digitalizzazione del Patrimonio Culturale presentando esperienze a livello nazionale e  internazionale. A tale riguardo, questa sezione tratta il tema della rivoluzione digitale declinandolo in termini di limiti, sfide e opportunità per il patrimonio culturale e approfondendo contemporaneamente il concetto di ‘digital divide’.
La seconda sezione di videolezioni presenta le tecniche, gli strumenti e le metodologie di acquisizione dati su manufatti architettonici e/o artistici e su contesti urbani/territoriali per lo sviluppo del progetto di conoscenza di un bene culturale. Metodologie tradizionali di acquisizione dati verranno affiancate da metodi alternativi di  ottenimento delle informazioni tramite logiche partecipative (bottom-up) avvalendosi del supporto di piattaforme web e social media.
La terza sezione riguarda invece la gestione delle informazioni raccolte e digitalizzate approfondendo le potenzialità di banche dati, sistemi informativi territoriali e spaziali. In questa sezione verranno evidenziate le criticità di una gestione a lungo termine riflettendo su differenti problematiche quali la longevità dei dati, l’accessibilità delle informazioni, la fattibilità e la sostenibilità economica dell’intero processo.
La quarta e ultima sezione di videolezioni riguarda invece l’uso dei dati raccolti per fini divulgativi e promozionali. Verranno presentate diverse modalità di visualizzazione più o meno immersive (ad esempio applicazioni di realtà virtuale, realtà aumentata, video, applicazioni web, ecc.) che permettono strategie di comunicazione con diversi livelli di coinvolgimento sensoriale.

Prerequisites
 Per affrontare questo percorso formativo non sono necessari particolari prerequisiti. È utile, tuttavia, avere elementari conoscenze pregresse d’informatica, archeologia, storia dell’arte, rilievo, conservazione e restauro dei beni culturali.

Objectives
 L’obiettivo del corso è quello di sviluppare la consapevolezza delle diverse fasi del processo di digitalizzazione di un bene culturale e delle potenzialità di quest’operazione in termini di conservazione, gestione e promozione. Lo studente acquisirà le capacità necessarie per gestire la complessità delle diverse fasi del progetto di digitalizzazione di un bene culturale: dalla fase di acquisizione dati a quella di processamento delle informazioni raccolte, alla fase di gestione e comunicazione delle informazioni. Le conoscenze acquisite nel corso permetteranno allo studente di selezionare, a seconda delle specifiche esigenze, tecniche, strumenti e ‘workflows’ per la documentazione digitale di un bene culturale alle diverse scale e di gestire i prodotti digitali generati sia per la salvaguardia che per la gestione, fruizione e valorizzazione del bene in oggetto. Lo studente verrà poi sensibilizzato riguardo i limiti e le criticità dei processi descritti considerando aspetti quali la longevità, l’accuratezza, la precisione e la manutenzione delle informazioni digitalizzate.
Program
 Il corso si articola in 4 fasi principali: 1) introduzione agli argomenti del corso riflettendo sulle opportunità, sulle sfide e sui limiti della rivoluzione digitale in relazione al patrimonio culturale; 2) lo sviluppo del progetto di cononscenza dei beni culturali attraverso tecniche e strumenti digitali; 3) la gestione delle informazioni digitalizzate di un bene culturale; 4) le strategie di comunicazione attraverso supporto digitale.

Book

 Testi obbligatori

    Bertacchini, Pier Augusto; Feraco, Antonio; Pantano, Eleonora; Reitano, Antonella; Tavernise, A. (2008). CULTURAL HERITAGE 2.0 PROSUMERS AND A NEW COLLABORATIVE ENVIRONMENT RELATED TO CULTURAL HERITAGE. International Journal of Management Cases, (Special Issue: 5th), 543–550.
    Chong, E., Gaffney, V. L., & Chapman, H. (2013). Digital Heritage: Concluding Thoughts. In E. Chong, V. L. Gaffney, & H. Chapman (Eds.), Visual Heritage in the Digital Age. London: Springer.
    Docci, M. (2007). Metodi e tecniche integrate di rilevamento di modelli virtuali dell’architettura e della città. Roma: Gangemi editore.
    Ellul, J. (1967). The Technological Society. New York: Alfred A. Knowpf.
    Meier, P. (2015). DIGITAL HUMANITARIANS How BIG DATA Is Changing the Face of Humanitarian Response. Boca Raton: CRC Press
    Ridege, M. (2014). Crowdsourcing our Cultural Heritage. (M. Ridege, Ed.), Crowdsourcing our Cultural Heritage. Burlington: Ashgate.

 Testi (facoltativi)

    Andreas M. Kaplan, Michael Haenlein, (2012) "Social media: back to the roots and back to the future", Journal of Systems and Information Technology, Vol. 14 Issue: 2, pp.101-104,
    Ebersbach, A., Glaser, M., & Heigl, R. (2006). Wiki Web Collaboration. Berlin: Springer.
    Hassani, F. (2015). Documentation of cultural heritage techniques, potentials and constraints. In The International Archives of the Photogrammetry, Remote Sensing and Spatial Information Sciences, Volume XL-5/W7, 2015 25th International CIPA Symposium 2015, 31 August – 04 September 2015, Taipei, Taiwan.
    Mezzino, D., & Et Al. (2015). 3D modelling in Architecture: from tangible to virtual model”. In C. Gambardella (Ed.), HERITAGE and TECHNOLOGY Mind Knowledge Experience. (pp. 1059–1073). Napoli: La Scuola di Pitagora.
    Osello, A., & Rinaudo, F. (2016). Cultural Heritage Management Tools: The Role of GIS and BIM. In E. Stylianidis & F. Remondino (a cura di), 3D Recording, Documentation and Management of Cultural Heritage (p. 388). Dunbeath: Whittles.
    Zhou, M., Geng, G., & Wu, Z. (2012). Digital Preservation Technology for Cultural Heritage. New York: Springer Science & Business Media.

    Sitografia (facoltativa)

    European Commission (2015). Europeana - A European Digital Library for all. Retrieved January 1, 2016, from https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/europeana-european-digital-library-all
    Europeana. (n.d.-a). Europeana home. Retrieved from http://www.europeana.eu/portal/#
    Garito, A. M. (2016). La Convenzione RAI 2016: un nuovo patto con gli italiani. Retrieved from https://www.youtube.com/watch?v=j8GRVFTFJYU
    ICOMOS. (2008). ICOMOS Ename Charter. Retrieved January 1, 2016, from http://www.enamecharter.org/
    Joint Programming Initiative for Cultural Heritage and Global Change, (JPICH). (2014). STRATEGIC RESEARCH AGENDA FOR CULTURAL HERITAGE IN EUROPE PUBLISHED. Retrieved January 1, 2016, from http://www.heritageportal.eu/About-Us/A-Strategic-Research-Agenda-for-Cultural-Heritage-in-Europe/
    Myers, D., Avramides, Y., & Dalgity, A. (2013a). Changing The Heritage Inventory Paradigm The Arches Open Source System. Conservation Perspectives: The Getty Conservation Instritute Newsletter, 28, 4–10. Retrieved from http://www.getty.edu/conservation/publications_resources/newsletters/28_2/changing_heritage.html
    Shirky, C. (n.d.). Clay Shirky. Retrieved October 7, 2016, from http://shirky.com/
    TED conferences. (n.d.). Clay Shirky Social Media Theorist. Retrieved October 7, 2016, from https://www.ted.com/speakers/clay_shirky
    we are social. (2017). Digital in 2017 global overview. Retrieved April 2, 2017, from https://wearesocial.com/special-reports/digital-in-2017-global-overview
    World Bank Group. (2016a). Digital Dividends. Retrieved from www.worldbank.org/wdr2016
    World Bank Group. (2016b). Digital Dividends. Washington DC. Retrieved from http://documents.worldbank.org/curated/en/961621467994698644/pdf/102724-WDR-WDR2016Overview-ENGLISH-WebResBox-394840B-OUO-9.pdf





 

Exercises
 Le esercitazioni proposte alla fine di ciascuna lezione hanno lo scopo di far memorizzare i concetti fondamentali per la comprensione della materia.
Professor
Davide Mezzino
List of lessons
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Eva Pietroni
Davide Mezzino
Adele Magnelli
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Davide Mezzino
Davide Mezzino

Headquarter

Corso Vittorio Emanuele II, 39
00186 Roma - ITALIA
C.F.: 97394340588
P.IVA: 13937651001

Certified mail

info@pec.uninettunouniversity.net

Student Secretariat

tel: +39 06 692076.70
tel: +39 06 692076.71
e-mail: info@uninettunouniversity.net

Videoconferencing

Library 1st floor: 90.147.90.157
Meeting Room 5th floor: 90.147.90.158

Do you need further information?

Give us your contact details


Ask for information