Università telematica internazionale UNINETTUNO

REBUILD - Attività



Stato implementazione
80 - 100% 50 - 80% 0 - 50%

Attività/risultati Descrizione Partners Deliverable
Work Package 1 – Raccolta di informazioni preliminari Obiettivi
Per consentire al partenariato di definire prototipi di servizi e specifiche di sistema, è necessario esaminare i bisogni dei rifugiati e dei migranti per orientare lo sviluppo del toolbox, nonché i bisogni delle autorità locali e della pubblica amministrazione per identificare le informazioni prioritarie. Questo WP mira a individuare una metodologia e uno strumento comuni per raccogliere informazioni dal gruppo target in grado di ispirare la fase successiva del progetto e, in particolare,:
● Esaminare lo stato dell'arte esistente in termini di strumenti e metodi utilizzati per raccogliere informazioni dal gruppo target nell'ambito affrontato dal progetto (legale, sanitario, istruzione, lavoro ecc.)
● Creare una metodologia comune per una raccolta di dati integrata e memorizzabile
● Fornire dati e informazioni da utilizzare nell'ulteriore definizione di scenari e prototipi
Descrizione del lavoro
Compito 1.1 Sviluppo di un template standard per la raccolta integrata di informazioni (M1-M5) (Lead: CIDAS, altri partecipanti: UNINETT, ENG, UAB, OMNES, VUB, MDAT). Questo primo obiettivo mira a sviluppare uno strumento integrato per la raccolta di informazioni di base, partendo dallo stato dell'arte e dalle metodologie già implementate dalle ONG, quotidianamente impegnate nel sostegno e nell'inclusione di migranti e rifugiati. La raccolta di dati e di informazioni quantitativi e qualitativi avviene già in ciascun Paese coinvolto nella partnership, ma utilizzando diversi strumenti, modelli e metodologie. Inoltre, spesso queste attività sono progettate solo per soddisfare il loro scopo diretto e immediato. Lo strumento dovrà quindi rispettare due caratteristiche principali, al fine di creare un metodo e un linguaggio comuni: • essere integrato e utilizzabile nei settori interessati dai servizi forniti dalle ONG: formazione e occupazione, salute, benessere, istruzione, ecc; • essere sviluppato, non solo ai fini di un uso diretto, ma anche per l'archiviazione dei dati e la successiva analisi.
Compito 1.2 Raccolta di informazioni di background dell'utente (M1-M8) (Lead: CIDAS, altri partecipanti: ENG, UAB, OMNES, VUB). Questo compito è di fondamentale importanza nel WP1 e all'interno dell'intero progetto, rivelando il suo approccio partecipativo e orientato all'utente. Con l'obiettivo di stabilire la base di dati per le prossime fasi di co-design (WP2), basandosi sulla metodologia condivisa e utilizzando lo strumento adottato (T1.1), le ONG procederanno a:
1. Per contattare gli utenti finali. In ogni paese coinvolto nel progetto, quindi, le ONG amministreranno 50 interviste qualitative scegliendo un campione rappresentativo degli utenti, tenendo conto della complessità della popolazione migrante in termini di provenienza geografica, religione, sesso, età, vulnerabilità specifica ecc. che saranno coinvolti in questa attività saranno identificati in due gruppi principali di utenti futuri: migranti / rifugiati inclusi in programmi di seconda accoglienza che continuano a beneficiare dei servizi di supporto per l'integrazione sociale; migranti / rifugiati che hanno appena lasciato i programmi di accoglienza. Questa distinzione sarà utile per confrontare le aspettative di coloro che stanno per essere indipendenti nelle loro nuove società e il punto di vista (bisogni, ostacoli, carenze, possibili miglioramenti) di coloro che stanno già vivendo l'integrazione in un nuovo paese. I risultati delle interviste saranno descritti da ciascuna ONG in 3 relazioni tecniche interne.
2. Per raccogliere informazioni qualitative necessarie per sviluppare la cassetta degli attrezzi. A tal fine, un campione di futuri utenti dello strumento sarà coinvolto attraverso interviste individuali di esperti di ONG (sociologi, psicologi, mediatori interculturali) (la metodologia sarà definita in dettaglio e indicata da Uninettuno per garantire coerenza con le successive fasi di progettazione) volto a identificare e registrare i loro bisogni, consentendo di progettare la cassetta degli attrezzi il più vicino possibile alle aspettative dei migranti / rifugiati reali. In ogni paese coinvolto nel progetto, quindi, le ONG amministreranno 50 interviste qualitative scegliendo un campione rappresentativo degli utenti, tenendo conto della complessità della popolazione migrante in termini di provenienza geografica, religione, sesso, età, vulnerabilità specifica ecc. che saranno coinvolti in questa attività saranno identificati in due gruppi principali di utenti futuri: migranti / rifugiati inclusi in programmi di seconda accoglienza che continuano a beneficiare dei servizi di supporto per l'integrazione sociale; migranti / rifugiati che hanno appena lasciato i programmi di accoglienza. Questa distinzione sarà utile per confrontare le aspettative di coloro che stanno per essere indipendenti nelle loro nuove società e il punto di vista (bisogni, ostacoli, carenze, possibili miglioramenti) di coloro che stanno già vivendo l'integrazione in un nuovo paese. I risultati delle interviste saranno descritti da ciascuna ONG in 3 relazioni tecniche interne.
3. Stabilire requisiti etici e di genere per l'interazione dell'utente durante la vita del progetto. Questo compito è direttamente rilevante per la sezione 1.2.7 e 1.3.8
Compito 1.3: Quadro ARTES (M01-M10) [Leader: VUB, Contributori: UAB, CIDAS OMNES, MDAT]. Lo scopo di questo compito sarà l'identificazione e la revisione dei problemi sociali rilevanti che potrebbero essere interessati durante le varie fasi del progetto REBUILD (diritto alla protezione dei dati personali, diritto alla privacy, etica e accettazione della società). Il test di ARTES consiste in cinque principi: autenticità, rispetto, onestà, equità e responsabilità sociale. Il quadro sarà costruito su tre pilastri:
1. Quadro dei diritti fondamentali: sarà analizzato il quadro applicabile relativo ai diritti fondamentali (in particolare ai diritti alla vita privata e alla protezione dei dati personali), tra cui quelli previsti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea in relazione alle attività svolte all'interno del sistema REBUILD.
2. Quadro etico e societario: analizzerà i principi etici relativi alla veridicità, all'adeguatezza delle forme affrontate dalle soluzioni ICT, alla gestione etica dei dati relativi agli immigrati, alla stigmatizzazione e alla discriminazione derivanti dalle pratiche REBUILD.
3. Quadri normativi rilevanti per REBUILD. Poiché il toolbox REBUILD si baserà sull'elaborazione dei dati provenienti da migranti e rifugiati, ai fini della definizione delle politiche, la pertinenza dei quadri giuridici specifici sarà approfonditamente mappata e descritta. Un breve elenco di quadri giuridici da esaminare comprende il quadro UE sulla protezione dei dati, il quadro del Consiglio d'Europa e alcuni quadri nazionali selezionati degli Stati membri dell'UE in cui il progetto sarà sviluppato. L’attività fornirà anche uno studio dettagliato sulle migliori pratiche esistenti sulla profilazione di migranti e rifugiati all’interno della UE per scopi di politiche di integrazione e l'attuazione di etica, privacy e protezione dei dati attraverso approcci di progettazione. Saranno organizzate sessioni di formazione per i partner del consorzio. Questo compito contribuirà al deliverable D7. 1.
Compito 1.4: Identificazione, priorizzazione e validazione dei marcatori culturali (M1-M6, lead: UAB, partic: UNINETT, ENG, CIDAS, OMNES, VUB, MDAT). Comprendere i molti indicatori culturali e dare priorità al loro impatto nello sviluppo della tecnologia e dell'interazione umana sarà l'obiettivo di questo compito. Attraverso dei Focus Group, agli utenti saranno presentati gli sviluppi del progetto, per comprenderne l'accettazione e le aspettative. Verrà definita la metodologia FG e la raccolta dei dati. Inoltre, gli indicatori per la mappatura degli impatti verranno sviluppati in relazione alla valutazione dell'impatto socio-economico, al fine di avere una metodologia globale che includa l'interculturalità come uno degli argomenti principali da mappare.
Partner responsabili:
  • CIDAS Cooperativa Sociale
Altri partners coinvolti:
  • UNINETTUNO
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA
  • Universitat Autonoma de Barcelona (UAB)
  • OMNES - Syllogos Ethelonton Kilkis
  • VUB - Vrije Universiteit Brussel
  • MDAT- Metropolitan Development Agency of Thessaloniki
Work package 2 – Processi di Coprogettazione Obiettivi
• Studiare e specificare i requisiti degli utenti;
• Definire e implementare processi di co-creazione nella progettazione del sistema REBUILD;
• Definire scenari e prototipi di servizio degli utenti;
• Fornire input rilevanti per le specifiche del sistema e l'esperienza d'uso complessiva del toolbox REBUILD;
• Definire processi e metodologie per cicli di feedback e test iterativi del sistema REBUILD.
Descrizione del lavoro
Gli obiettivi di questo pacchetto di lavoro sono definire i requisiti degli utenti, gli scenari, le caratteristiche e i flussi di navigazione del toolbox ICT di REBUILD. Verrà integrata la ricerca preliminare già condotta per questa proposta, attraverso la raccolta di dati e informazioni provenienti dalle parti interessate: migranti e rifugiati – gli utenti target del toolbox REBUILD - autorità locali / pubbliche e fornitori di servizi. Successivamente saranno organizzati seminari di co-creazione nei tre principali paesi del progetto, con la partecipazione di esperti interdisciplinari del Consorzio e di tutti i soggetti esterni interessati. I workshop di co-creazione saranno gestiti ricorrendo al design del servizio, al pensiero creativo e al brainstorming. Infine, si continuerà a coinvolgere questi attori esterni durante la fase di sviluppo / implementazione / test / messa a punto per la raccolta continua di feedback e il miglioramento del toolbox REBUILD. Questo WP è in stretta correlazione con il WP1, che raccoglierà informazioni ed eseguirà una prima ricerca / analisi dei bisogni sul gruppo target di immigrati e rifugiati.
Compito 2.1 Analisi della fornitura del servizio (Months: M1 – M6) (Lead: UNINETT, Altri partecipanti: ENG, UAB, DEN, CIDAS, OMNES, MDAT). Questo compito mira ad analizzare il flusso di fornitura di servizi esistente, coinvolgendo le autorità locali e i fornitori di servizi pubblici dei 3 Paesi individuati. Autorità pubbliche e fornitori di servizi, che hanno sostenuto la proposta, parteciperanno attivamente a questo compito, venendo intervistati dal gruppo di ricerca. Questa attività focalizzerà l'analisi sulla fornitura del servizio nei settori individuati dal progetto (sezione 1.3.2). L'analisi prenderà in considerazione la definizione del flusso di lavoro, esaminando per ciascun servizio, per ciascun fornitore e per ciascun Paese coinvolto, come funziona effettivamente la catena di fornitura. Il risultato finale sarà un rapporto di analisi sui bisogni e le lacune, dal punto di vista delle autorità locali, delle ONG e dei fornitori di servizi pubblici. Gli strumenti principali utilizzati per questa attività saranno sondaggi e interviste
Compito 2.2 Preparazione e implementazione dei Workshop di co-creazione (Mesi: M6 - M10) (Responsabile: UNINETT, Altri partecipanti: ENG, CERTH, UPM, UAB, DEN, CIDAS, OMNES, MDAT, UNESCO). Lo scopo di questo compito è definire scenari e prototipi che descrivano come funzioneranno i moduli del toolbox REBUILD e come interagiranno con gli utenti reali. Saranno organizzati tre workshop di due giorni, uno in Italia, uno in Grecia e uno in Spagna. I workshop coinvolgeranno esperti del consorzio appartenenti a settori scientifici tecnici e sociali / umani: psicologi cognitivi e sociali, progettisti di servizi, progettisti di sistemi ICT, sviluppatori e integratori, esperti legali, scienziati sociali e politici; migranti e rifugiati coinvolti attraverso le ONG nel consorzio; autorità locali e pubbliche che hanno già fornito la loro disponibilità e interesse a partecipare alla progettazione e al pilotaggio del toolbox REBUILD. La preparazione del workshop si baserà sui risultati del WP1 e del compito 2.1 e prevedrà anche la definizione di un'agenda e la formazione interna di partner tecnici per questioni interculturali, l'interazione con esperti non ICT, le tecniche di facilitazione. I principali strumenti e tecniche utilizzati saranno l'esposizione, la definizione della sotto tabella, l'apprendimento tra pari nei sottogruppi, ordinamento delle carte, tecniche di brainstorming, prototipazione rapida, necessità di convalida / accordo, co-design, scenari di casi d'uso e simulazioni.
Compito 2.3 Riconoscimento dei risultati dei seminari (mesi M11 - M12) (Responsabile: UNINETT, Altri partecipanti: ENG, UAB, CIDAS, OMNES). Questo compito massimizzerà il valore aggiunto dato dal coinvolgimento attivo degli utenti target e dei fornitori di servizi nella fase di progettazione, con l'obiettivo di progettare e fornire una serie di soluzioni ICT efficaci nel migliorare la comunicazione tra migranti e servizi pubblici, l'accesso e la fornitura di quei servizi. I risultati dei tre workshop saranno riportati in un modello comune e condiviso; un rapporto finale di co-creazione integrerà risultati e proposte emergenti dai tre workshop. I partner del consorzio e gli utenti e le parti interessate coinvolti nei workshop saranno invitati a commentare una prima bozza del rapporto di co-creazione in uno spazio condiviso comune, fornendo accesso e funzionalità di commento / modifica ai documenti. Sistemi di discussione interattivi / live saranno disponibili per il gruppo di lavoro. Questo compito porterà anche alla definizione dei moduli REBUILD, da testare durante la fase di sviluppo, prima del pilot, e alla definizione di gruppi di utenti esterni, che hanno partecipato ai workshop, disponibili ad essere coinvolti nella fase di test. Su questo documento si baseranno le attività del WP6.
Partner responsabili:
  • UNINETTUNO
Altri partners coinvolti:
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA
  • Centre For Research and Technology Hellas (CERTH)
  • Universidad Politecnica de Madrid (UPM)
  • Universitat Autonoma de Barcelona (UAB)
  • DEN Institute asbl
  • CIDAS Cooperativa Sociale
  • OMNES - Syllogos Ethelonton Kilkis
  • MDAT- Metropolitan Development Agency of Thessaloniki
  • UNESCO - United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization
Work package 3 - Analisi dei dati e match delle competenze Obiettivi
L'obiettivo principale di questo WP è ottenere un modello completo per migliorare l'interazione tra migranti e rifugiati e i Paesi di destinazione attraverso tre pilastri fondamentali:innanzitutto, facendo un'analisi del profilo basata su una metodologia di deep learning per la caratterizzazione e il collegamento dell'utente. In secondo luogo, supportando il percorso di integrazione attraverso nuove soluzioni per l'abbinamento e la raccomandazione in base alle esigenze e alle competenze degli utenti e, infine, implementando un metodo di follow-up per l'ottimizzazione delle prestazioni del sistema attraverso l'analisi dell'opinione soggettiva e dell'esperienza all'interno del sistema REBUILD.
Descrizione del lavoro:
Compito 3.1: Analisi del profilo basato sul deep learning (M3-M24, lead CERTH, partic: ENG, UPM). Il compito fornirà metodi di inclusione per creare vettori a bassa dimensionalità che rappresentano profili e informazioni di base come etnia, origine, età, genere, abilità e istruzione, stato di famiglia, hobby e preferenze. L'elenco dei dati da utilizzare verrà definito nella fase di raccolta dei dati. L'inclusione di grafici e decodificatore nel metodo di deep learning saranno studiati e utilizzati per creare cluster di profili e rilevare connessioni e collegamenti tra persone e gruppi di persone.
Compito 3.2: Matching competenze approfondite e bisogni attraverso l'apprendimento automatico (M9-M26, lead: UPM, partic: CERTH). Utilizzando come input l'inclusione di profili e una vasta gamma di informazioni sui bisogni e sui percorsi di integrazione, questo compito fornirà un modello di deep learning che prevede una corrispondenza ottimale a un livello più profondo che mira a un modello di integrazione sostenibile. La metodologia proposta si concentrerà su una guida ottimale per i migranti e le autorità pubbliche ai fini di un'integrazione riuscita e sostenibile.
Compito 3.3: Raccomandazione per il miglioramento della fornitura del servizio e follow-up (M9-M26, lead: UPM, partic: ENG, CERTH). Questo compito si focalizzerà a facilitare il processo di integrazione attiva fornendo un quadro di raccomandazioni finalizzato a creare un collegamento tra i bisogni dei migranti e dei rifugiati e le soluzioni disponibili nel Paese di destinazione, considerando le informazioni contestuali. Prenderà i profili vettoriali dal T3.2 e fornirà un sistema di ragionamento pratico che fungerà da consigliere per supportare il miglioramento della posizione dell'utente. Inoltre, questo compito sarà focalizzato anche sul follow-up degli utenti del sistema che lo supporteranno nell'ottimizzazione delle prestazioni.
Partner responsabili:
  • Universidad Politecnica de Madrid (UPM)
Altri partners coinvolti:
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA
  • Centre For Research and Technology Hellas (CERTH)
Work package 4 – Il Tutor Digitale Obiettivi
L'obiettivo principale di questo pacchetto di lavoro è fornire al tutor digitale una serie di strumenti che supporteranno l'efficace comunicazione tra le PA e i migranti a vantaggio di entrambi. I compiti proposti da REBUILD si concentreranno sulla rimozione delle barriere linguistiche sia in termini di multilinguismo che, in determinati casi, di analfabetismo. Un servizio di chatbot "rule-based"sarà il cuore del tutor digitale e l'interazione personalizzata migliorerà il modo in cui le informazioni vengono fornite all'utente in base ai bisogni e alla capacità.
Descrizione del lavoro:
Compito 4.1: Pittogrammi e segni di multilinguismo (M1-M18, lead: UAB, partic: UPM). Pittogrammi e altri segni sono importanti per raggiungere una vasta gamma di lingue parlate e scritte dai migranti e dai rifugiati in arrivo. Il compito definirà un vocabolario di base, nel rispetto degli standard esistenti e delle conoscenze comuni, per fornire un efficace strumento di comunicazione. Parallelamente al linguaggio visivo progettato, la lingua inglese e / o la lingua nazionale saranno disponibili come uno strumento extra che aiuta a una più rapida integrazione attraverso la comprensione del linguaggio.
Compito 4.2: Protezione della comunicazione tramite blocchi di informazioni audiovisive (M3-M26, lead: CERTH, partic: UPM, UAB). Brevi informazioni audio e visive disponibili online in più lingue, parlate da migranti già integrati di ogni etnia / comunità / origine costituiscono uno strumento efficace per aiutare le persone analfabete a conoscere la loro nuova società e ad orientarli per interagire con le autorità pubbliche e il pubblico o servizi privati. L'attività mirerà a fornire una struttura, uno scenario e gli strumenti per produrre brevi frammenti di informazioni audio / visive da apparecchiature onnipresenti come i dispositivi mobili. Tuttavia, la validità e l'affidabilità di queste informazioni dovrebbero essere ben protette tramite gli strumenti forniti, prima di renderle disponibili al pubblico.
Compito 4.3: chatbot ibrido (uomo / macchina) come tutor digitale (M6-M28, lead: CERTH, partic: UPM). L'attività porterà alla consegna di un chatbot "rule-based" che sarà in grado di rispondere alle domande più frequenti dei migranti e delle autorità e di rispondere con i dati provenienti dai moduli di analisi. Verrà sviluppata una componente di routing per i membri della comunità, i volontari o i migranti integrati, responsabile di respingere le discussioni che il chatbot non può gestire.
Compito 4.4: Interazione personalizzata (M15-M28, lead: UPM, partic: CERTH, UAB). Questo compito porterà a un sistema di autoapprendimento per migliorare la personalizzazione del servizio basato su un processo auto adattativo che può apprendere non solo dall'interazione dell'utente, ma anche dall'esperienza di altri utenti mediante metodi statistici innovativi. Si dovranno ottenere dati impliciti ed espliciti attraverso le azioni e le preferenze degli utenti in modo iterativo al fine di favorire l'ottimizzazione dei servizi, garantendo una personalizzazione più precisa.
Compito 4.5: Percezione della migrazione (M6-M26, lead: UPM, partic: CERTH, UAB). Il compagno digitale sarà anche responsabile di fornire informazioni basate sui fatti per migliorare la percezione pubblica della migrazione. Il compagno fornirà informazioni a qualsiasi parte terza interessata, cittadini o qualsiasi altro sia interessato all'impatto della migrazione a livello locale e nazionale. Per fare ciò, ad eccezione delle domande più frequenti relative ai dati, il compagno digitale creerà automaticamente infografiche basate su domande precedenti e dati esistenti.
Partner responsabili:
  • Centre For Research and Technology Hellas (CERTH)
Altri partners coinvolti:
  • Universidad Politecnica de Madrid (UPM)
  • Universitat Autonoma de Barcelona (UAB)
Work package 5 - Integrazione e validazione tecnica Obiettivi
L'obiettivo principale di questo pacchetto di lavoro è il lancio della piattaforma REBUILD per l'esecuzione della fase pilota. Di conseguenza, gli ulteriori sotto-obiettivi correlati sono:
1. definire l'architettura di riferimento della piattaforma aperta REBUILD basandosi sui requisiti richiesti dal WP1. La definizione dell'architettura includerà anche la progettazione dei processi operativi interni e delle interfacce di sistema per l'interoperabilità della piattaforma.
2. definire le interfacce di sistema per l'adozione della piattaforma da parte delle parti interessate.
3. sviluppare il piano operativo della piattaforma REBUILD e metterlo in atto. Il piano coprirà tutti gli aspetti inclusa la realizzazione effettiva e test e prove sul rispetto dei requisiti definiti nel WP1 e T5.1.
4. definire i meccanismi generali per l'integrazione dei componenti, compresa la relativa definizione dell'interfaccia di sistema.
Descrizione del lavoro:
Compito 5.1 - Casi d'uso e requisiti (requisiti di piattaforma e servizio) (M3-M12) (Lead. ENG, part .: UNINETT, CERTH, UPM, CIDAS, OMNES, MDAT). Questo compito identificherà i casi d'uso REBUILD e otterrà i requisiti funzionali e non funzionali necessari per raggiungere gli obiettivi identificati, soddisfacendo lo scenario di utilizzo e rispettando il quadro giuridico ed etico. L'attività guiderà i partner a concordare requisiti che siano realizzabili attraverso le attuali capacità tecnologiche e nel contesto di REBUILD. Lo scopo è di far avanzare lo stato dell'arte sulla base della tecnologia che è già disponibile ai partner. Un insieme di servizi di base, previsti come necessari, è elencato nella Tabella dei servizi nella sezione 1. L'output di questa attività consisterà nell'elaborazione dei requisiti tecnici per la piattaforma e in una descrizione dell'intero insieme delle componenti tecnologici ritenute necessarie per soddisfare le esigenze e gli scenari degli utenti. Verranno dettagliatamente descritte le funzionalità necessarie di ciascun componente oltre agli input e output.
Compito 5.2 - Architettura della piattaforma (M4-M26) (Lead. ENG, Part .: CERTH, UPM). Questo compito riguarda la definizione dell'architettura di piattaforma aperta REBUILD in base ai requisiti funzionali e tecnici ottenuti in T5.1. L'architettura di riferimento sarà la base su cui i servizi forniti dai partner di REBUILD saranno integrati per la fornitura della piattaforma. Il compito include sia la definizione di tutte le funzionalità che la piattaforma offrirà sia l'interoperabilità tra la piattaforma e i sistemi esterni, compresi gli strumenti. L'architettura concettuale iniziale è stata introdotta nella Sezione 1 [VC_ENG1], che descrive i concetti principali che REBUILD renderà disponibili agli utenti tramite i processi di mappatura.
Compito 5.3 - Interfaccia utente (M5-M30) (derivazione UPM, part .: ENG, CERTH). Affidandosi ai requisiti utente e agli scenari utente raccolti, questa attività definirà l'interfaccia utente della piarraforma REBUILD. In particolare, per gli scenari utente identificati verrà definita e realizzata un'interfaccia utente specifica. Saranno identificate tecniche e modalità operative al fine di realizzare un'interfaccia intuitiva ed efficace in grado di facilitare l'adozione della piattaforma da parte degli utenti e accelerare il loro processo di apprendimento e alleggerire le relative curve di apprendimento.
Compito 5.4 - Sviluppo piattaforma REBUILD (M5-M27) (Lead. ENG, part .: CERTH, UPM). L'obiettivo principale di questo compito è sviluppare la piattaforma aperta REBUILD. Verrà definito un piano per coprire tutti gli aspetti operativi a partire dalla realizzazione effettiva, test e prove e supporto alla fase pilota (WP6). I requisiti definiti nel WP1 (T5.1) saranno utilizzati per definire i checkpoint, il piano temporale con le pietre miliari e le procedure di convalida. Questa attività collegherà funzionalmente i risultati raggiunti in altri WP per agire in modo coordinato nella piattaforma REBUILD. Sarà valutato per strutturare la piattaforma in sotto-parti da collegare insieme per l'implementazione complessiva dei processi che ricorreranno al paradigma dell'architettura a micro servizi. In definitiva, questo compito svilupperà la piattaforma REBUILD come base per l'implementazione dell'integrazione e delle interfacce che farà parte del compito 5.5.
Compito 5.5 - Interfacce di sistema e integrazione dei servizi (M7-M34) (Lead. ENG, part .: CERTH, UPM). Questo compito riguarda la configurazione delle interfacce necessarie per integrare il componente fornito in altri WP nella piattaforma REBUILD e renderlo pronto per la fase di pilotaggio. Ciò consentirà sia ai partner coinvolti nei pilot sia agli stakeholder esterni di sfruttare le funzionalità offerte da REBUILD. Sostanzialmente, questo compito terrà in considerazione l'integrazione della piattaforma REBUILD per preparare il lavoro per i pilot.
Partner responsabili:
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA
Altri partners coinvolti:
  • UNINETTUNO
  • Centre For Research and Technology Hellas (CERTH)
  • Universidad Politecnica de Madrid (UPM)
  • CIDAS Cooperativa Sociale
  • OMNES - Syllogos Ethelonton Kilkis
  • MDAT- Metropolitan Development Agency of Thessaloniki
Work package 6 - Svolgimento, pilotaggio e validazione utente Obiettivi
L'obiettivo principale di questo WP sarà definire, organizzare ed eseguire sessioni di test su utenti selezionati durante lo sviluppo della toolbox REBUILD. Questo WP prevede anche la progettazione del Pilota, previsto nella Fase 3 del progetto, dedicata alla metodologia di implementazione, per ottenere feedback utili al continuo miglioramento della soluzione sviluppata. Mentre la validazione tecnica verrà effettuata nel WP5, il WP6 si concentrerà su usabilità, accessibilità, accettazione degli utenti, breakpoint cognitivi, in tutti i moduli di interazione / comunicazione. I test coinvolgeranno un piccolo sottogruppo di beneficiari (immigrati / rifugiati e fornitori di servizi pubblici locali), dai tre Paesi pilota (Italia, Spagna, Grecia). Un minimo di tre test che coinvolgono almeno 30 unità da entrambi i gruppi di utenti saranno eseguiti prima della consegna della prima versione completa del sistema REBUILD.
Il progetto pilota coinvolgerà quindi almeno 100 utenti dei 3 Paesi e di entrambi i gruppi target. I risultati aiuteranno a convalidare l'applicazione nel suo insieme e, in particolare, a stabilire l'utente accettabile dal Digital Companion come facilitatore per l'interazione e la comunicazione. Questo passaggio fornirà anche preziosi feedback per il perfezionamento finale e l'ottimizzazione della toolbox REBUILD.
Descrizione del lavoro:
Compito 6.1 - Pianificazione del test e definizione della metodologia (M11-M16) [Lead: UNESCO Partecipanti: UNINETT, ENG, CERTH, UPM, UAB, CIDAS, OMNES, MDAT]. Sulla base dei workshop di co-creazione, questo compito stabilirà la composizione di piccoli gruppi di test e la demografia dei partecipanti. Questo passaggio contribuirà positivamente alla fiducia degli stakeholder sul progetto. Questo compito consisterà principalmente nel definire un piano centrato sull'utente per i test e la metodologia e nell'impostare un meccanismo di raccolta dei dati. Gli input ricevuti da altri WP verificheranno che gli aspetti interculturali e le questioni etiche / legali siano considerati nella progettazione dei test. L'attività assicurerà la selezione di un minimo di 30 utenti che rappresentano servizi, regioni e gruppi di utenti rilevanti per il toolbox REBUILD.
Compito 6.2 - Test e raccolta dei risultati (M17 - M26) [Lead: UNESCO Partecipanti: UNINETT, ENG, CERTH, UPM, UAB, CIDAS, OMNES, MDAT]. Questo compito preparerà un programma di test in base alla progressione dello sviluppo / pre-release nei pacchetti di lavoro tecnologici. I gruppi di utenti saranno coinvolti nella verifica di moduli e componenti rilevanti quando disponibili, garantendo feedback immediati per la ridefinizione del flusso di interazione e il rilevamento / correzione dei bug, se necessario. Verranno eseguiti almeno 3 cicli di test, concentrandosi su diversi moduli / componenti. I dati saranno raccolti ed elaborati secondo la metodologia definita nel compito 6.1.
Compito 6.3 - Pianificazione pilota (M22 - M26) [Lead: UNESCO Partecipanti: UNINETT, ENG, CERTH, UPM, UAB, CIDAS, OMNES, MDAT]. Il risultato di questo compito sarà un piano pilota completo, che assicuri che componenti, caratteristiche e percezioni siano testate in cicli per supportare un risultato di alta qualità. Un piano di esecuzione e valutazione pilota dettagliato sarà progettato per guidare il pilota. Verranno prodotte linee guida per supportare tutti i partner nell'esecuzione e nella valutazione dei piloti seguendo un quadro comune e condiviso.
Compito 6.4 - Esecuzione e convalida del pilota (M27 - M34) [Lead: UNESCO Partecipanti: UNINETT, ENG, CERTH, UPM, UAB, CIDAS, OMNES, MDAT]. Questo compito garantirà il lato operativo della gestione dei progetti pilota, la selezione degli utenti e la gestione della comunità. Questo compito assicurerà anche l'effettiva realizzazione del progetto pilota nei 3 paesi e coinvolgerà un minimo di 100 utenti, che includerà fornitori di servizi selezionati tra i partner del progetto e i migranti / rifugiati. L'obiettivo di questo compito sarà anche quello di raccogliere informazioni rilevanti e feedback per convalidare l'applicazione: tutti i moduli del Digital Companion saranno valutati in base alla loro accessibilità, migliore usabilità e accettazione da parte di entrambi i gruppi di utenti. I feedback raccolti saranno riepilogati in un sommario da cui emergerà l’impatto e i risultati per ottenere una convalida del toolbox da parte dell'utente.
Partner responsabili:
  • UNESCO - United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization
Altri partners coinvolti:
  • UNINETTUNO
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA
  • Centre For Research and Technology Hellas (CERTH)
  • Universidad Politecnica de Madrid (UPM)
  • Universitat Autonoma de Barcelona (UAB)
  • CIDAS Cooperativa Sociale
  • OMNES - Syllogos Ethelonton Kilkis
  • MDAT- Metropolitan Development Agency of Thessaloniki
Work package 7 - Diritti fondamentali, implicazioni etiche e interculturalità Obiettivi
Gli obiettivi principali di questo WP sono legati a due ambiti, quello dei diritti fondamentali e dell’impatto etico e quello dell'interculturalità. Con riguardo ai diritti fondamentali e all’impatto etico, gli obiettivi sono: a) il chiarimento dei flussi di dati all'interno del consorzio, l'adozione di una serie di protocolli legali, etici e di sicurezza, lo sviluppo di moduli e la consulenza legale ed etica continua per i partner. b) l'identificazione dei rischi e degli impatti che possono influire sui problemi sociali rilevanti legati all'attuazione delle soluzioni basate su tecnologie ICT e la loro valutazione, al fine di garantire che effetti potenzialmente negativi possano essere previsti. c) Lo sviluppo e l'erogazione di un giudizio morale e di un controllo etico basati sul trattamento dati dei migranti ai fini di questo progetto.
In relazione, invece, all'analisi interculturale dell'impatto tecnologico nel contesto dei dati raccolti nel T1.4, l’obiettivo è analizzare i dati raccolti nel WP1, integrando il WP4 e aprire la strada al WP 6, al fine di garantire una solida comunicazione e interazione. Questo WP si occuperà dei molti fattori culturali che possono avere un impatto sul modo in cui gli utenti percepiscono sé stessi, e questo avrà un'implicazione diretta sui dati prodotti e sull'interazione. .
Descrizione del lavoro:
Compito 7.1 - Valutazione di impatto etico (M01-M12) [Leader: VUB, Contributori: UAB]. Il lavoro può essere suddiviso in due sotto-attività:
Task 7.1.1: Metodo di valutazione dell'impatto REBUILD: la valutazione dell'impatto segue un approccio proattivo che contribuisce a prendere decisioni consapevoli considerando le potenziali conseguenze dell'operazione prevista prima del suo verificarsi. L'attività si concentrerà sul metodo di esecuzione di una valutazione d'impatto in REBUILD, al fine di generare informazioni utili per i responsabili all'interno del consorzio e di assisterli nell'adozione di decisioni consapevoli in merito allo sviluppo e all'implementazione del tool REBUILD ICT. Questo compito stabilirà il metodo di valutazione dell'impatto REBUILD, concentrandosi su un elenco di proposte da adottare, la designazione del team di valutazione dell'impatto, la tempistica, le risorse, ecc. Questo compito contribuirà a produrre il D7.2.
Task 7.1.2: valutazione dell'impatto di ARTES: questo compito si dedicherà alle preoccupazioni sociali più rilevanti (ad esempio, sicurezza, diritto alla protezione dei dati personali, diritto alla privacy, etica e accettazione della società) che possono interessare REBUILD identificando e valutando gli impatti e i rischi sui requisiti ARTES. La valutazione d'impatto sarà costruita sul metodo sviluppato nel Task 7.1. Saranno formulate analisi di possibili scenari e raccomandazioni ai partner del consorzio per favorire lo sviluppo della tecnologia REBUILD assicurando il rispetto delle disposizioni di legge, affrontando inoltre (riducendo al minimo) gli eventuali effetti negativi del sistema. La valutazione d'impatto sarà deliberativa e inclusiva, nel senso che la voce del pubblico sarà attivamente ricercata e debitamente presa in considerazione, al fine di garantire che non solo le conoscenze di esperti ma anche quelle dei non specialisti siano utilizzate nel processo. Questo compito contribuirà alla realizzazione del D7.3.
Compito 7.2: Linea guida ARTES per soluzioni ICT in REBUILD (M12-M 24) [Leader: VUB, Contributori: UAB]. Questo compito si propone di sviluppare e di fornire una linea guida seguendo il quadro ARTES per tutte le soluzioni tecnologiche all'interno del Progetto REBUILD. Le linee guida prenderanno in considerazione i risultati del T7.1.1 e del T7.1.2. Questo compito contribuirà al raggiungimento del risultato D7.4.
Compito 7.3: Monitoraggio e revisione continua legale / etica (M24-M36) [Leader: VUB, Contributori: UAB]. Lo scopo di questo compito è monitorare gli impatti di REBUILD sui requisiti ARTES identificati nel T7.1, come le soluzioni ICT sono integrate, testate e valutate. Ciò garantirà che ogni nuovo aspetto o aggiornamento delle soluzioni ICT di REBUILD o della loro potenziale applicazione sia testato rispetto alle più rilevanti preoccupazioni sociali descritte nel T7.1. Il monitoraggio sarà eseguito da VUB, che avrà il diritto di accedere a qualsiasi informazione derivante dal lavoro del progetto, di partecipare a qualsiasi riunione del consorzio e di interferire nel caso in cui consideri il lavoro del consorzio incompatibile con REBUILD. Questo compito seguirà logicamente il T7.2. Ciò garantirà che i risultati della valutazione dell'impatto siano attuati da tutti i partner, in conformità con la pertinente normativa.
Compito 7.4: Problemi interculturali nella tecnologia (M3-M26) [Lead: UAB, partic: UNINETT, ENG]. Si dovrà produrre, in base alle richieste e alle esigenze raccolte nel T1.2, un contenuto multimediale breve (documento video), da condividere online in più lingue, parlate da migranti già integrati e appartenenti a diverse etnie, come strumento per aiutare le persone a conoscere la loro nuova società e imparare le modalità per interagire con le autorità pubbliche e i fornitori di servizi pubblici o privati. L'attività fornirà una struttura, uno scenario e gli strumenti per produrre brevi frammenti di informazioni da apparecchiature ubiquitarie, come i telefoni cellulari.
Partner responsabili:
  • VUB - Vrije Universiteit Brussel
Altri partners coinvolti:
  • UNINETTUNO
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA
  • Universitat Autonoma de Barcelona (UAB)
Work package 8 - Diffusione e comunicazione Obiettivi
Questo pacchetto di lavoro comprende le attività di divulgazione collegate al progetto REBUILD, compresa la creazione di un sito web e una serie di strategie di comunicazione volte alla sensibilizzazione. L'obiettivo è raggiungere l'impatto più ampio possibile, dando una grande visibilità ai risultati di REBUILD. Una prima pianificazione e descrizione degli obiettivi, dei canali di diffusione e dell’approccio ai target group e ai partner costituirà una bozza degli obiettivi del consorzio nel suo insieme. Gli obiettivi del WP8 sono garantire che i fornitori di notizie e servizi e gli utenti abbiano una chiara idea della fornitura del servizio e che vi sia una consapevolezza generale del progetto tra coloro che potrebbero sfruttare i suoi risultati (pubblica amministrazione, ONG e società civile). Il progetto si impegna direttamente con le comunità interessate e agisce in base ai loro feedback per aumentare la pertinenza e l'efficacia dei servizi forniti alle parti: pubblica amministrazione, rifugiati, immigrati e società civile. L'obiettivo è attirare critici sulle tecnologie REBUILD in modo che il progetto possa avere un impatto reale e continui ad averlo dopo il suo completamento.
Descrizione del lavoro
Di seguito sono presentate le attività più significative per le attività di diffusione e comunicazione.
Compito 8.1 - Attività di disseminazione (M1-M36 - Lead MDAT, in particolare tutti). Sarà sviluppato un piano di divulgazione, che fornisce una roadmap concreta per il consorzio per raggiungere gli obiettivi del pacchetto di lavoro. Il piano si occuperà dei vari destinatari delle attività di diffusione:
• Pubblica amministrazione
• ONG che si occupano di rifugiati e immigrati
• Istituzioni e organizzazioni governative
• Immigrati e rifugiati
• Società civile
Il piano individuerà opportunità di diffusione adeguate e specificherà una strategia per sfruttare al meglio le potenziali attività di diffusione e mirare in modo appropriato ai diversi pubblici. Le attività da eseguire saranno distribuite tra tutti i membri del consorzio e uniranno le parti interessate e le strategie di disseminazione di ampia portata (tramite conferenze internazionali, mailing list e articoli nei media). I principali canali di comunicazione saranno:
- Sito Web del progetto. Un sito web dedicato al progetto verrà istituito all'inizio del ciclo di vita del progetto (mese 3) per fornire un'ampia diffusione degli articoli e dei risultati di REBUILD, nonché informazioni generali sul progetto. MDAT svilupperà e ospiterà il sito web del progetto, che sarà localizzato nel proprio dominio specifico (ad esempio www.rebuild.eu o simile). Tutte le sezioni di contenuto saranno aperte al pubblico: informazioni sul progetto e sul consorzio, dati, articoli, notizie ed eventi, materiale didattico, una biblioteca per scaricare tutti i prodotti pubblici REBUILD e la documentazione del progetto (articoli, collegamenti pertinenti, ecc.). Il piano garantirà che tutti i partner del progetto forniscano contenuti del sito Web pertinenti, inclusi i contributi regolari (ad es. articoli, post di blog) e che il contenuto disponibile sul sito web sia aggiornato.
- Social media. Il progetto REBUILD istituirà account di social media per diffondere i risultati del progetto, ma anche per ascoltare il feedback dei produttori e degli utenti. Almeno Twitter e Facebook saranno inclusi, ma verranno prese in considerazione altre piattaforme. Altre iniziative incentrate sui servizi per sostenere l'integrazione di rifugiati e immigrati saranno monitorate e i loro aggiornamenti condivisi con i seguaci di REBUILD.
- Organi di stampa. Un numero di articoli giornalistici sarà prodotto da REBUILD come parte dei casi d'uso descritti nella sezione 1. Saranno utilizzati per affrontare alcuni degli scenari più rilevanti in queste particolari aree, fornendo contenuti su come, ad esempio, sono stati creati o come sfruttano i pregiudizi preesistenti. Questi articoli sfrutteranno gli strumenti sviluppati da REBUILD e saranno rivolti ad un pubblico generale. Al fine di ottenere un'ampia distribuzione, saranno tradotti in diverse lingue europee e saranno offerti ai media che hanno firmato le lettere di supporto al progetto REBUILD.
- Come parte del piano di diffusione, il consorzio REBUILD identificherà gli eventi rilevanti in cui i risultati del progetto dovrebbero essere presentati (tramite, ad esempio documenti tecnici, presentazioni aziendali, gruppi di discussione) e l'organizzazione di eventi per coinvolgere la comunità attorno al progetto (es. workshop, presentazioni pubbliche e focus group).
Compito 8.2 - Costruzione della comunità REBUILD (M3-M36 - MDAT, Partic. Tutti). Il modo in cui dati, documenti, articoli, materiali e database sono gestiti e resi disponibili agli altri è un aspetto importante dell'impatto del progetto. Verranno utilizzati standard aperti e licenze aperte per distribuire i risultati disponibili al pubblico, il codice sorgente degli strumenti e i set di dati raccolti. Inoltre, la documentazione del progetto conterrà una descrizione testuale e grafica come la metodologia REBUILD e le scelte tecnologiche, i framework, i casi d'uso e in particolare le specifiche delle fonti di dati e dei set di dati. Attraverso relazioni periodiche alla Commissione europea, i progressi del lavoro saranno resi pubblici. Al di là delle singole pubblicazioni, REBUILD organizzerà workshop di promozione della piattaforma e di engagement e focus group. Ciò consentirà un'interazione significativa con altre parti interessate e ricercatori esterni al progetto e aumenterà la visibilità del progetto e la sua portata. Questo compito contribuisce al raggiungimento del risultato D8.3. REBUILD sfrutterà anche le reti e le comunità esistenti, ogniqualvolta possibile, al fine di raggiungere rapidamente le parti interessate e i potenziali utenti. Inoltre, REBUILD si metterà in comunicazione con gli organizzatori e i partecipanti alle sfide pubbliche internazionali nel campo dei servizi pubblici per l'integrazione di immigrati e rifugiati.
Partner responsabili:
  • MDAT- Metropolitan Development Agency of Thessaloniki
Altri partners coinvolti:
  • UNINETTUNO
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA
  • Centre For Research and Technology Hellas (CERTH)
  • Universidad Politecnica de Madrid (UPM)
  • Universitat Autonoma de Barcelona (UAB)
  • DEN Institute asbl
  • CIDAS Cooperativa Sociale
  • OMNES - Syllogos Ethelonton Kilkis
  • VUB - Vrije Universiteit Brussel
  • UNESCO - United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization
Work package 9 - Valutazione e valorizzazione dell’impatto socio-economico Obiettivi
Gli obiettivi in questo pacchetto di lavoro sono i seguenti:
● Sviluppare una metodologia di valutazione dell'impatto adattando quelle già esistenti e collaudate con successo alle specificità di REBUILD;
● Coinvolgere i partner e i beneficiari del progetto nello sviluppo della metodologia, al fine di assicurare che tutti gli impatti previsti siano mappati e misurati il più possibile durante il corso del progetto;
● Monitorare costantemente le attività del progetto per perfezionare la metodologia con indicatori e variabili appropriati;
● Valutare gli impatti del progetto al mese 15 per dare input ai partner per adattare le attività del progetto e fornire una valutazione di impatto finale alla fine del progetto;
● Utilizzare i risultati delle attività di monitoraggio e di valutazione dell'impatto come un input per sostenere le attività di diffusione e valorizzazione del progetto;
Descrizione del lavoro:
Compito 9.1 - Sviluppo della metodologia di valutazione dell'impatto REBUILD (M1-M6 lead DEN, partic: ENG, UAB, VUB). DEN svilupperà una metodologia di valutazione dell'impatto socio-economico appositamente progettata per le specificità di REBUILD. Si affiderà a metodologie esistenti, che sono state sviluppate, adattate e testate con successo da DEN in precedenti progetti europei in materia di ICT e innovazione sociale (SEQUOIA, MIDAS, MARKOS, IA4SI, SecInCoRe) e convalidati nel settore pubblico e privato. La metodologia prenderà in considerazione gli impatti sociali, economici e politici relativi alla fornitura di una serie di strumenti ICT per la gestione e l'integrazione delle strategie per migranti, rifugiati e autorità locali. La metodologia integrerà anche l'analisi eseguita all'interno del WP 7 per includere i fattori socio-culturali ed etici, cruciali per lo sviluppo della tecnologia in quanto indicatori e variabili per mappare l'impatto sociale e tecnologico di REBUILD. La valutazione d'impatto sarà condotta guardando a una doppia prospettiva. Da un lato, quantificherà l'impatto sulle amministrazioni pubbliche e autorità locali a seguito dell'adozione di soluzioni ICT sulle attuali procedure per l'integrazione e la gestione dei migranti e dei rifugiati. D'altro canto, verrà mappato l'impatto delle attività di REBUILD sui migranti e sui rifugiati coinvolti, per quantificare e analizzare come le soluzioni e le attività sviluppate dal progetto alimentino le condizioni degli utenti durante lo sviluppo del progetto e nella fase successiva. In particolare, sarà possibile mappare: le nuove competenze acquisite da migranti e rifugiati utilizzando i servizi di REBUILD, il miglioramento della percezione dell'inclusione e anche il risparmio sui costi e il ritorno sugli investimenti per le autorità locali coinvolte nel progetto pilota. La metodologia sarà di tipo quali-quantitativa, multi-stakeholder e multidimensionale, facendo uso di analisi costi-benefici, analisi multi-criterio e, data permettendo, SROI (ritorno sull'investimento sociale). L'approccio di valutazione dell'impatto utilizzerà l'approccio della catena del valore dell'impatto analizzando input, attività, risultati e impatti del progetto. La metodologia sosterrà l'identificazione della proposta di valore del progetto, i suoi impatti previsti e gli eventuali ostacoli per raggiungere la piena realizzazione e terrà conto della situazione di fondo dei settori dei servizi di accessibilità e delle comunità di migranti coinvolte. Al fine di rispettare la peculiarità di ciascuno dei piloti, la metodologia sarà resa modulare in modo da essere adattabile a diverse impostazioni. I partner di progetto, in particolare le ONG e le associazioni, saranno attivamente coinvolti nello sviluppo della metodologia come esperti sul campo. Un apposito seminario, all'inizio del progetto, supporterà i partner coinvolti in questa attività, nella comprensione del processo di sviluppo della metodologia e nel fornire le informazioni e i dati necessari.
Compito 9.2 - REBUILD stato dell'arte (M6-M9: DEN, partic .: UNINETT, ENG, UAB, CIDAS, OMNES, VUB, MDAT). Questo compito si concentrerà sulla prima fase della valutazione dell'impatto, che consiste nello sviluppo di un quadro completo e chiaro della situazione senza gli outputs di REBUILD, chiamato anche "scenario zero". In particolare, lo sviluppo della metodologia inizierà con la definizione di un ampio stato dell'arte, utilizzando prima i dati disponibili dal consorzio e considerando studi e dati già esistenti. Ciò include: una mappatura completa degli stakeholder potenzialmente interessati alle attività di REBUILD, le loro aspettative e le loro necessità, a partire dalla situazione "senza REBUILD", chiamato anche scenario zero. Questo scenario è essenziale per comprendere e quantificare la "differenza" prodotta dai risultati del progetto, cioè i suoi impatti. Lo scenario zero verrà utilizzato come scenario controfattuale per confrontare l'impatto delle attività e dei risultati di REBUILD (incluso il compagno digitale per i migranti) con la situazione nelle diverse fasi dello sviluppo del progetto.
Compito 9.3 - Esecuzione della valutazione di impatto (M9-M36, lead DEN, partic .: UNINETT, ENG, UAB, CIDAS, OMNES, VUB, MDAT). La valutazione d'impatto verrà eseguita in base a ciascun pilota e quindi, a livello di progetto, considerando tutti i risultati prodotti dal progetto. Ciò avverrà utilizzando come punto di riferimento lo scenario zero sviluppato nella prima fase del progetto e, se necessario, identificando strumenti esterni di confronto. In relazione al lavoro svolto nel WP7, verrà eseguita anche un'analisi socio-antropologica allo scopo di determinare i fattori socio-culturali in gioco nello sviluppo della tecnologia. La valutazione verrà eseguita alla fine del progetto (M30). Tuttavia, la produzione e le attività svolte saranno monitorate durante lo sviluppo del progetto al fine di fornire una valutazione intermedia ai partner per regolare le loro azioni (M18). Il round a medio termine ha l'obiettivo principale di fornire input utili al consorzio al fine di affinare le attività per massimizzare l'impatto del progetto. La valutazione d'impatto finale prenderà in considerazione gli impatti su una scala più ampia e il potenziale incrementato del progetto. Sia la valutazione preliminare sia quella finale forniranno input alle attività di disseminazione evidenziando il valore aggiunto del progetto, la sua capacità di trasformazione e i risultati più interessanti.
Compito 9.4 Strategia di sfruttamento e sostenibilità (M26-M36, lead DEN, partic .: UNINETT, ENG, CERTH, UPM, UAB, CIDAS, OMNES, MDAT). Per sostenere i risultati del progetto a lungo termine, REBUILD analizzerà il proprio piano di sostenibilità prevedendo un modo per sostenere le attività dopo il periodo di finanziamento. Uno dei risultati consisterà, infatti, in una descrizione dettagliata della strategia e delle azioni da intraprendere per i tre anni successivi alla conclusione del progetto con l'obiettivo di garantire attività continuative. Verranno, inoltre, forniti piani di sfruttamento individuali per tutti i partner coinvolti oltre ad un'ampia strategia di sfruttamento che verterà anche sulle opportunità di partenariato pubblico-privato e su gare d’appalto pubbliche al fine di sfruttare i risultati del progetto.
Partner responsabili:
  • DEN Institute asbl
Altri partners coinvolti:
  • UNINETTUNO
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA
  • Centre For Research and Technology Hellas (CERTH)
  • Universidad Politecnica de Madrid (UPM)
  • Universitat Autonoma de Barcelona (UAB)
  • CIDAS Cooperativa Sociale
  • OMNES - Syllogos Ethelonton Kilkis
  • VUB - Vrije Universiteit Brussel
  • MDAT- Metropolitan Development Agency of Thessaloniki
Work package 10 - Gestione Obiettivi
Gli obiettivi principali di questo pacchetto di lavoro sono:
• Provvedere a una gestione e a un coordinamento generale del progetto;
• Garantire la gestione e il controllo di qualità;
• Mantenere il flusso di informazioni tra i partner;
• Provvedere al controllo amministrativo e finanziario in base al piano di lavoro;
Descrizione del lavoro:
Compito 10.1 - Gestione progetti (M1-M36) (UTIU). Questo compito riguarda l'organizzazione dell'avvio del progetto e comprende le seguenti attività: stabilire le procedure; metodi e strumenti di gestione del progetto (organizzazione e processi di gestione IP, piano di qualità, risoluzione dei conflitti, piano di gestione dei dati); preparare e organizzare la riunione iniziale di REBUILD. Coordinamento e controllo di ciascun partner al fine di consentire l'erogazione di informazioni interne efficaci ed efficienti (ad es. i risultati finali); monitorare il piano di lavoro e i progressi del progetto, provvedere all'identificazione e alla risoluzione dei problemi tecnici e organizzativi e alle riunioni di coordinamento tecnico.
Compito 10.2 - Controllo di qualità (M1-M36) (UTIU, partic .: ENG). Questo compito riguarda il piano e la gestione della qualità, la creazione e il benchmarking degli obiettivi del progetto. Inoltre, coordina tempestivamente la produzione dei risultati finali, l'organizzazione delle revisioni, il controllo della qualità e la coerenza rispetto agli aspetti tecnici e contrattuali.
Compito 10.3 - Coordinamento amministrativo e finanziario (M1-M36) (Lead UTIU, partic .: ENG). Questo compito si concentra sulle seguenti attività: • Stabilire e mantenere registri finanziari, coordinare la presentazione delle dichiarazioni di spesa da parte di tutti i partner di progetto, seguire i pagamenti da parte della Commissione, distribuire le quote dei partner secondo le regole concordate dal consorzio; • Provvedere ai documenti contrattuali (Accordo Consortile); • Coordinare le relazioni periodiche interne previste dall'accordo; • Organizzare e gestire gli audit richiesti dalla Commissione. Di particolare importanza è la revisione obbligatoria a medio e lungo termine e gli audit tecnici o finanziari su richiesta della Commissione; • Organizzare riunioni e comitati di progetto periodici per la revisione dei progressi del progetto, il processo decisionale e la risoluzione dei conflitti.
Partner responsabili:
  • UNINETTUNO
Altri partners coinvolti:
  • ENGINEERING - INGEGNERIA INFORMATICA SPA

  Pagina 1 di 2 Avanti

Sede centrale

Corso Vittorio Emanuele II, 39
00186 Roma - ITALIA
C.F.: 97394340588
P.IVA: 13937651001

Posta certificata

info@pec.uninettunouniversity.net

Segreteria Studenti

Numero verde: 800 333 647
tel: +39 06 692076.70 (1)
e-mail: info@uninettunouniversity.net

Videoconferenza

Biblioteca 1^ piano: 90.147.90.157
Sala Riunioni 5^ piano: 90.147.90.158

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Lasciaci i tuoi dati


Richiedi informazioni