Università telematica internazionale UNINETTUNO

Operatore dei Beni Culturali

La famiglia dei Beni Culturali è intesa oggi come patrimonio diffuso e comprende diverse categorie di beni, un tempo non considerate, che vanno da quelli tradizionali (archeologici, architettonici, opere d'arte mobili, beni archivistici e librari) ai beni intangibili, fino al più complesso aspetto del paesaggio culturale (paesaggio urbano e costruito storico, infrastrutture storiche sul territorio (sentieristica, aspetti tematici ecc.).

L'operatore dei beni culturali è dunque investito di funzioni che non si limitano al riconoscimento e alla catalogazione del bene, ma deve essere in grado di partecipare all'iter progettuale che dalla tutela e conservazione lo conduca a sviluppare metodologie di valorizzazione con strumenti molto più aggiornati come la comunicazione e laformazione e sensibilizzazione della comunità.

I tre anni del corso di laurea in Operatore dei beni culturali diventano una sperimentazione di questo iter che parte dalle conoscenze di base e, attraverso la conservazione, arriva al progetto e alla tutela attiva, integrando il patrimonio nella pianificazione e programmazione alle diverse scale (puntuale, urbana, territoriale).

Il Cdl mira a fornire nell'ambito del triennio una buona formazione di base e competenze specifiche di carattere storico-metodologico e tecnico-operativo nei diversi settori dei beni culturali, secondo un approccio interdisciplinare attuato attraverso uno stretto dialogo tra il settore umanistico, quello tecnologico e quello legislativo con l'obiettivo di preparare una figura professionale in grado di operare nei diversi ambiti del patrimonio culturale a vari livelli. Il percorso formativo proposto prepara inoltre alla prosecuzione dell'iter formativo nelle lauree magistrali. In questo quadro di riferimento e su una forte base comune, il corso verrà articolato in tre curricula, (specificati a livello di regolamento del corso di studio) dedicati all'approfondimento delle conoscenze e delle competenze nei settori archeologico, storico-artistico, archivistico-librario.

I tre curricula, pur nelle specificità, seguono il medesimo percorso dalla conoscenza alla conservazione e alla valorizzazione.
Il percorso formativo è strutturato in modo da fornire allo studente nei primi due anni discipline di base di carattere storico e
letterario, linguistico, demoetnoantropologico (nel rispetto della tabella ministeriale), indispensabili e comuni a ciascun curriculum.

Lo studente viene avviato fin dal primo anno alla acquisizione delle metodologie e degli strumenti di base con riferimento alle discipline della storia antica (Storia romana, Storia medioevale) e archeologia (Archeologia e storia dell'arte greca e romana), linguistico-letterarie (Lingua latina, Lingua inglese, Letteratura italiana) e antropologiche (Antorpologia culturale).

Al secondo anno il percorso prevede l'erogazione di insegnamenti specifici e caratterizzanti il corso di laurea e rispettivi indirizzi, con riferimento alle storie dell'arte moderna e contemporanea e Museologia del restauro, le materie archivistiche (Archivistica, Biblioteconomia), le storie moderna e contemporanea e quelle archeologiche caratterizzanti e affini (Civiltà egee, Topografia antica/Rilievo di monumenti antichi).

Infine al terzo anno, parallelamente al completamento dell'acquisizione di competenze teniche indispensabili per una formazione compiuta anche sotto il profilo della conoscenza dei materiali (Chimica dell'ambiente e dei Beni Culturali) e della legislazione in materia di Beni Culturali (Diritto e Legislazione dei Beni Culturali), si procede allo sviluppo di quelle competenze relative alla valorizzazione e alla comunicazione dei beni culturali (Conservazione e restauro, Progetto di valorizzazione dei Beni Culturali:
comunicazione, promozione, gestione) che concludono il processo di formazione. Qualificanti dell'iter formativo le attività di laboratorio tese a sviluppare percorsi interdisciplinari e trasversali degli ambiti sia all'interno di ciascun curriculum sia tra i tre diversi curricula, al fine di inserire il bene nel suo contesto più ampio secondo la concezione di patrimonio diffuso.

Completano il percorso triennale le altre attività formative, variamente articolate in unità separate definite come workshop (stages,tirocini, seminari, convegni) in cui affinare le competenze su specifici aspetti del mondo dei beni culturali e sviluppare concretamente progetti. In tal modo lo studente sarà in grado di mettere in pratica quanto acquisito nel percorso di studi nella formulazione dell'elaborato finale, attentamente seguito dal docente e dal tutor.

Corso di Laurea Triennale

Descrizione del Corso di laurea
Regolamento del Corso di Studi (CdS)
Gruppo di riesame
Indirizzi:

Tutor tecnico e di Corso di Studi

Tutor di Corso di Studi
- Luca Girella                                         l.girella@uninettunouniversity.net
Tutor tecnico
- Letizia Flamini                                        l.flamini@uninettunouniversity.net

 

Sede centrale

Corso Vittorio Emanuele II, 39
00186 Roma - ITALIA
C.F.: 97394340588
P.IVA: 13937651001

Posta certificata

info@pec.uninettunouniversity.net

Segreteria Studenti

Numero verde: 800 333 647
tel: +39 06 692076.70 (1)
e-mail: info@uninettunouniversity.net

Videoconferenza

Biblioteca 1^ piano: 90.147.90.157
Sala Riunioni 5^ piano: 90.147.90.158

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Lasciaci i tuoi dati


Richiedi informazioni